Editoria

09 aprile 2010 | 9:08

Editoria/ Fnsi: Forte preoccupazione per vicenda tariffe postali

Editoria/ Fnsi: Forte preoccupazione per vicenda tariffe postali
Governo faccia ogni sforzo per evitare costi aggiuntivi aziende

Roma, 8 apr. (Apcom) – “L’estrema preoccupazione che vivono tutte le realtà  del giornalismo italiano è stata rappresentata a Palazzo Chigi dalla Fnsi nel corso dell’incontro convocato dal sottosegretario Gianni Letta sulla questione delle tariffe postali”. E’ quanto si legge in una nota della Federazione nazionale della stampa.

“Il sindacato – afferma la nota – ha rimarcato come, per la terza volta in pochissimi mesi, arrivi dal governo un colpo duro a danno di un settore già  alle prese con una profonda crisi: prima l’attacco al diritto soggettivo, poi i tagli all’emittenza, ai giornali degli italiani all’estero e ai fogli dei consumatori, ora la cancellazione delle agevolazioni nelle spedizioni. Anche questa volta – prosegue la nota – si mette il settore di fronte al fatto compiuto, introducendo novità  improvvise e non concordate. Anche questa volta si colpisce in modo indiscriminato chi ha diritto e chi non lo ha, i soggetti editoriali veri e i furbi che sanno approfittare delle norme. La Fnsi riafferma l’esigenza del rigore e della pulizia, ma non è rigore quello che penalizza anche chi non ha colpe”.

“Questo metodo – si legge ancora – a giudizio del sindacato, non pone le premesse idonee agli Stati generali dell’editoria, appuntamento che pure continuiamo a ritenere di grande importanza. Ma non potremo accettare di partecipare se nel frattempo le mosse del ministro Tremonti avranno spento alcune voci, come purtroppo rischia drammaticamente di avvenire a causa del provvedimento sulle tariffe postali. Per questo – conclude la nota – il sindacato dei giornalisti chiede al governo che ogni sforzo sia fatto per evitare che sulle aziende editoriali si scarichino costi aggiuntivi fino al momento in cui sarà  stato raggiunto tra le parti un accordo sulle nuove tariffe”.