Editoria

12 aprile 2010 | 8:14

STREGA:MERCOLEDI’ I 12 CANDIDATI, MATTEUCCI VA DA SOLA /ANSA

SPE:STREGA
2010-04-11 15:02
STREGA:MERCOLEDI’ I 12 CANDIDATI, MATTEUCCI VA DA SOLA /ANSA
E’ RECORD DI CANDIDATURE PRESENTATE
ROMA
(di Mauretta Capuano). (ANSA) – ROMA, 11 APR – Bisognerà  aspettare ancora quattro giorni, fino a mercoledì prossimo con l’annuncio a Benevento del comitato direttivo, per sapere chi sono i dodici autori candidati al 64/mo Premio Strega. Ma di sicuro questa edizione sarà  ricordata per il record di candidature presentate, arrivate ai venti nomi. Finora la media si aggirava fra i dodici, tredici autori presentati e non era mai stato superato il numero di quindici titoli, registrato l’anno scorso. In questa affollata schiera di presentazioni è già  spuntato un caso editoriale: quello dell’autocandidata Rosa Matteucci che corre da sola con il suo romanzo ‘Tutta mio padre’ nel quale credono molto Antonio Tabucchi e Piero Gelli, ma che non verrà  appoggiato dal suo editore, la Bompiani, che in linea con la scelta del gruppo Rcs appoggia l’esordiente Silvia Avallone e il suo ‘Acciaio’, pubblicato da Rizzoli. Quest’ultima casa editrice, in un primo tempo, sembrava dovesse portare all’edizione 2010 dello Strega, ‘Noi’ di Walter Veltroni. Ma l’ex segretario del Pd ha chiesto all’editore di non candidare il suo libro. Resta il fatto che sia che entri fra i dodici candidati, sia che venga esclusa dalla rosa, la Matteucci ha già  messo in atto una sfida che continuerà  a far discutere. Fazi, che aveva pronta una candidatura, ha invece rinunciato per appoggiare il candidato di Gems, il Gruppo Editoriale Mauri Spagnol in cui è entrato nell’ottobre scorso, che presenta ‘Sono comuni le cose degli amici’ (Ponte alle Grazie) di Matteo Nucci. Fra le sorprese di quest’anno ne arriva una dall’editore romano Fanucci che ha puntato tutto su un libro per ragazzi: i ‘Bambini nel bosco’ di Beatrice Masini, presentato da Roberto Barbolini e Romano Montroni. Neri Pozza ha rispettato invece la scelta, annunciata l’anno scorso, di non partecipare, dal 2010 in poi, ad alcun premio di narrativa italiana perché “non esiste in Italia alcun premio letterario nazionale, comparabile in qualche modo ai premi letterari internazionali” e perché “le giurie non sono composte da critici letterari” e la vittoria è “riservata da quasi mezzo secolo esclusivamente a due soli gruppi editoriali”. Insomma, le polemiche che ogni anno accompagnano il più prestigioso premio letterario italiano sono cominciate con grande anticipo sulla gara anche se al momento sembrano un po’ placate quelle sulla sua riduzione a una competizione fra Rizzoli e Mondadori. Ad entrare fra i dodici candidati dello Strega 2010 ci sarà  sicuramente Paolo Sorrentino con il suo romanzo ‘Hanno tutti ragione’, fra i primi posti delle classifiche dei libri più venduti, che vede di nuovo in corsa Feltrinelli, dopo l’astensione dell’anno scorso. Mondadori schiera invece Antonio Pennacchi e il suo ‘Canale Mussolini’. Scendono in campo come sponsor anche i Premio Strega degli ultimi anni fra cui il vincitore dell’anno scorso Tiziano Scarpa che presenta con Luca Doninelli il libro di Raul Montanari ‘Strane cose, domani’ (Baldini Castoldi Dalai) e Paolo Giordano (Strega 2008 con La solitudine dei numeri primi) che insieme a Fulvio Abbate sostiene ‘La casa’ (Elliot) della giovane Angela Bubba, 21 anni. Fra i primi editori ad annunciare la candidatura: Newton Compton con ‘The father – Il padrino dei padrini’, saga mafiosa di Vito Bruschini. E poi Marsilio con Giacomo Lopez e il suo ‘Non restera’ la notté, Instar con Sebastiano Mondadori e ‘Un anno fa domani’, Sellerio con Francesco Recami e il suo ‘Prenditi cura di me’. In lizza anche Paolo Mauresnsig con ‘La tempesta’ (Morganti), Lorenzo Pavolini con ‘Accanto alla tigre’ (Fandango) e Giuseppe Schillaci con ‘L’anno delle cenerì (Nutrimenti). Fra le novità  di questa edizione il nuovo ingresso – oltre ai circa 400 Amici della Domenica, come si chiamano i giurati dello Strega – di trenta nuovi votanti segnalati da librerie importanti di tutta Italia che si aggiungono agli undici voti collettivi di istituzioni come la società  Dante Alighieri o gli istituti di Cultura all’estero. Dopo l’annuncio del 14 aprile, i dodici autori candidati saranno festeggiati il 22 aprile in una serata al Teatro Comunale di Benevento che dovrebbe essere condotta da Livia Azzariti. Prossime tappe: la prima votazione, a giugno, per scegliere la cinquina dei finalisti e poi la proclamazione del vincitore, giovedì primo luglio. (ANSA).
CA/ S43 S44 S0B QBXB