GOOGLE: GASPARRI, NESSUNA INIZIATIVA DOPO SENTENZA CONDANNA

GOOGLE: GASPARRI, NESSUNA INIZIATIVA DOPO SENTENZA CONDANNA
(ASCA) – Roma, 12 apr – ”Sono passati quasi due mesi dalla sentenza del tribunale di Milano ed ancora non risulta che i vertici del provider Google abbiano preso delle iniziative per rendere il motore di ricerca piu’ sicuro. Il giudice di Milano lo scorso 24 febbraio condanno’ tre dirigenti dell’azienda in merito alla vicenda del ragazzo disabile insultato e picchiato dai compagni di scuola ed il cui video pote’ liberamente circolare a lungo sul noto motore di ricerca. Trovai all’epoca esemplare la sentenza, non solo perche’ nessuno aveva vigilato abbastanza per impedire che quel filmato shock fosse messo in rete, ma soprattutto perche’ nessuno aveva collaborato per rimuovere quei contenuti violenti in maniera tempestiva. Dopo le decisioni del Tribunale, resta il grande silenzio di Google che non si e’ chiaramente espressa con delle iniziative o nuovi strumenti a tutela degli utenti contro la diffusione incontrollata di contenuti violenti. Resta certamente un vuoto normativo al quale va comunque posto rimedio. Ma nell’attesa ci saremmo aspettati da un’azienda nota come Google maggior senso della responsabilita’ e qualche iniziativa che potesse dimostrare la buona fede di allora dei vertici”. Lo dichiara il presidente del gruppo Pdl al Senato, Maurizio Gasparri.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti