FACEBOOK: UTENTI FARMTOWN NEL MIRINO DI CYBERCRIMINALI

FACEBOOK: UTENTI FARMTOWN NEL MIRINO DI CYBERCRIMINALI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 13 APR – Gli internauti che si divertono con ‘FarmTown’, uno dei giochi messi a punto da sviluppatori esterni e disponibili per il popolo di Facebook, sono nel mirino di cyber-criminali. L’allarme viene da alcuni esperti di sicurezza informatica che hanno scoperto che dal sito dell’applicazione sono partite delle pubblicità  contenti malware, codice dannoso per i personal computer. Anche gli sviluppatori del programma, della società  SlashKey, hanno pubblicato sul sito di FarmTown un avviso che invita gli utenti a non cliccare su link e finestre che reclamano prodotti o servizi, perché potenziali vettori di malware o spyware. In particolare viene utilizzata la tecnica della pubblicità  di falsi antivirus, conosciuta come “scareware”: si tratta di programmi che, se scaricati e installati, riescono invece a rubare i dati delle carte di credito degli internauti. Secondo gli analisti di Sophos, società  di sicurezza informatica, sono centinaia finora gli utenti di FarmTown che hanno segnalato problemi di questo tipo. In base alle ultime statistiche diffuse da Facebook sono più di 9,6 milioni gli utenti attivi mensilmente di questo gioco. Un numero, comunque non trascurabile, ma inferiore se confrontato agli oltre 82,6 milioni del più popolare FarmVille. Proprio quest’ultimo ha deciso di recente, vista l’enorme popolarità  su Facebook, di mettersi in proprio e lanciare un suo sito web che consentirà  di barcamenarsi tra mangimi e fertilizzanti senza dover necessariamente passare dalla rete sociale.(ANSA).
Y14-VC/ S04 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti