Editoria

13 aprile 2010 | 15:55

GIORNALISTI: CONGRESSO USIGRAI; MASI, RAI NON E’ IN DECLINO

GIORNALISTI: CONGRESSO USIGRAI; MASI, RAI NON E’ IN DECLINO
IN 6 MESI ABBATTUTI COSTI OLTRE 100 MLN, PUNTIAMO A EQUILIBRIO
SALSOMAGGIORE TERME (PARMA)
(ANSA) – SALSOMAGGIORE TERME (PARMA), 13 APR – “La Rai non é affatto in declino, come qualcuno vorrebbe far credere. La Rai è una grande azienda che vive certo un momento irto di difficoltà , ma che è in grado di superare con le proprie forze”: è questo il passaggio centrale del messaggio del direttore generale della Rai, Mauro Masi, al Congresso dell’Usigrai che si è appena aperto a Salsomaggiore Terme. Masi, che non ha potuto presenziare all’appuntamento, ha inviato un testo nel quale fa il punto sullo stato dell’azienda, sulla sua gestione, sui problemi immediati e di prospettiva e sulle incognite strategiche che devono essere affrontate e risolte. “La prima emergenza che ho trovato – scrive il dg – è stata quella di far fronte ad una situazione economico-finanziaria di forte precarietà  rispetto alla quale la Rai nel suo insieme ha reagito e con prontezza. Se pensate che stiamo per chiudere il bilancio 2009 con circa 45/55 milioni di perdite nonostante un calo vistoso della pubblicità  che ci ha sottratto risorse per circa 170 milioni di euro rispetto a quelli previsti, appare evidente che l’azienda si è prodotta in uno sforzo repentino ed efficace che ha permesso di abbattere la struttura dei costi esterni di oltre 100 milioni di euro in soli sei mesi. Lo squilibrio economico – prosegue Masi – è peraltro strutturale e viene da lontano. Nel prossimo triennio, senza il nostro intervento, avrebbe portato ad uno sbilancio preoccupante. Anche per questo motivo c’é sembrato opportuno avviare e lanciare il piano industriale 2010-2012 che avesse chiari i connotati del risanamento”. Masi spiega che l’intervento avviato sul budget 2010 di forte contenimento sui costi permetterà  di recuperare, nello stesso anno, “ulteriori 130 milioni di squilibrio lasciando come obiettivo del piano industriale quello di raggiungere l’equilibrio economico complessivo, che è il solo viatico per garantire un futuro a questa azienda”. Per questo, Masi anticipa che il piano industriale sarà  sì di rigoroso risanamento ma anche di sviluppo, “necessario per recuperare le risorse economiche per varare un piano dell’offerta con tredici Canali free che non ha precedenti in Europa”. “Si tratta di sforzi – sono sempre le parole di Masi – che stanno impegnando l’azienda a tutti i livelli e per questo ho preferito dare un segnale di gratitudine a tutti coloro che avevano garantito quei risultati economici, siglando, in diversi momenti, l’accordo con i dirigenti e quello con gli impiegati e gli operai e soprattutto l’integrativo con i giornalisti; accordi che erano in una posizione di stallo ormai da anni. Abbiamo approvato un contratto di servizio importante per la Rai; mi auguro che il legislatore ci aiuti sul fronte del recupero dell’evasione del canone, ma è essenziale un nostro fattivo impegno. Dobbiamo essere soddisfatti per tutti questi risultati raggiunti in 12 mesi. Gli ascolti ci stanno premiando in maniera particolarmente significativa e lasciatemelo dire per molti inaspettata”. (ANSA).
SN/MB S0A S57 QBXB