Apc-Rai/ Pardi: Tg1 perde ascolti, Minzolini se ne vada

Apc-Rai/ Pardi: Tg1 perde ascolti, Minzolini se ne vada
Su Repubblica dati che Rizzo Nervo porterà  in Cda

Roma, 15 apr. (Apcom) – “Poichè Augusto Minzolini si considera un estimatore del pluralismo e delle regole del mercato, sono certo che starà  considerando di lasciare la direzione, visti i risultati catastrofici della sua linea editoriale”. Lo dichiara il senatore Francesco ‘Pancho’ Pardi, capogruppo dell’Italia dei Valori in commissione di Vigilanza Rai, commentando i dati pubblicati oggi da Repubblica e che il consigliere Nino Rizzo Nervo dovrebbe portare in Cda lunedì: dalla rielaborazione dei dati Auditel, il Tg1 con Minzolini avrebbe perso un milione di telespettatori nell’edizione delle 20 e 375 mila alle 13,30.

“Nel suo ultimo editoriale, Augusto Minzolini denunciava che qualcuno volesse un ‘direttore dimezzato’ al Tg1. Effettivamente sì, a sancirlo è però il pubblico che ne ha preso le distanze, e non una qualche ‘congiura mediatica’ o ‘tritacarne’, come egli stesso definisce la stampa libera – prosegue Pardi -. Alla luce dei dati elaborati dal consigliere Rizzo Nervo, ed anticipati dalla stampa, l’allarme lanciato da Maria Luisa Busi e Tiziana Ferrario avrebbe dovuto essere preso seriamente in considerazione dai vertici istituzionali della Rai e del Tg1: finora invece, l’unico riscontro formale è stata la lettera di contestazione inviata dal direttore a chi ha solo adempiuto con serietà  ai propri compiti”.

“Ora basta: presenterò subito un’ interrogazione sulle discriminazione subite dai conduttori ‘epurati’ e ribadisco – conclude Pardi – la necessità  di convocare subito in Vigilanza il direttore del tg1 e i vertici Rai”.

Red/Mdr

151123 apr 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi