TLC: NUOVE REGOLE TELEMARKETING, ARRIVA REGISTRO OPPOSIZIONI

TLC: NUOVE REGOLE TELEMARKETING, ARRIVA REGISTRO OPPOSIZIONI
DOVRANNO ISCRIVERSI ABBONATI CHE NON VOGLIONO ESSERE CONTATTATI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 16 APR – Nuove regole per il telemarketing. Il Consiglio dei ministri ha approvato un DPR che regola il settore introducendo nuovi elementi di tutela della privacy. In particolare, spiega un nota del Ministero dello Sviluppo economico, il provvedimento prevede il silenzio-assenso per quanti vogliono continuare a ricevere chiamate telefoniche contenenti messaggi promozionali, commerciali o informazioni per sondaggi e altre iniziative di tele-marketing. Per quanti, invece, non desiderano ricevere questo tipo di chiamate, viene istituito un apposito “registro delle opposizioni”, al quale gli abbonati telefonici potranno iscriversi anche per via telematica. Gli operatori potranno così chiamare solo gli abbonati consenzienti, non iscritti al “registro”. “Abbiamo trovato un punto di equilibrio tra le esigenze degli abbonati telefonici che non vogliono essere contattati e quelle delle imprese che così potranno utilizzare con maggiore efficacia gli strumenti del telemarketing in un quadro di certezze e di concorrenza, che stimolerà  la competitività “, ha commentato il ministro Claudio Scajola. Il Ministero, in collaborazione con il Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti-CNCU, promuoverà  ora una campagna di informazione. Il provvedimento passerà  all’esame del Consiglio di Stato, delle Commissioni Parlamentari, dell’Autorità  per le tlc e del Garante per la Privacy. L’iter dovrà  concludersi entro il 25 maggio.(ANSA).
OM/ R64 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci