BOFFO: FELTRI “DOVEVA ESSERE SOLO UNA POLEMICA GIORNALISTICA”

BOFFO: FELTRI “DOVEVA ESSERE SOLO UNA POLEMICA GIORNALISTICA”

Feltri smentisce il litigio con gli Angelucci, editori di ‘Libero’, dopo la sua decisione di lasciare la direzione del quotidiano. “Mi hanno detto: ma come? Potevi dircelo prima che magari trattavamo. La realta’ e’ che non volevo trattare perche’ se trattavo rimanevo, mentre dopo nove anni volevo cambiare”, racconta nell’intervista a ‘Prima’. “Al ‘Giornale’ sono tornato perche’ era l’offerta piu’ interessante che avevo. Mi rendo conto che in questo momento e’ difficile aumentare copie perche’ il mercato dei quotidiani e dei settimanali e’ fisiologicamente in declino. Noi qui ci siamo presi 33 mila copie che equivale a 10 milioni l’anno. Non dico che i 23 milioni di deficit annuali potranno essere interamente ripianati, ma ci si puo’ avvicinare.Se ci dovessi arrivare sarebbe una soddisfazione enorme. Questo e’ il motivo per cui sono venuto”.Ma la tentazione di lasciare il giornalismo per buttarsi in politica Feltri l’ha mai avuta? “Me l’hanno offerto”, risponde nell’intervista a ‘Prima’, “pero’ l’unica tentazione mi e’ venuta adesso che ho avuto a che fare con l’Ordine. Ho capito che mi volevano fucilare e mi sono detto: se trovo qualcos’altro da fare me ne vado. Il venerdi’ sera io torno volentieri a Bergamo da mia moglie e dai miei figli, ma il mio terrore e’ l’acquiescenza. àˆ per questo che cerco di rimanere nel giro dei giornali. Mi andrebbe bene la politica anche se so che alla fine non aprirei bocca”.(ITALPRESS).sat/com 21-Apr-10 16:42

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari