Editoria/ Fieg: Riforma urgente, pluralismo a rischio

Apc-Editoria/ Fieg: Riforma urgente, pluralismo a rischio
Dagli annunci si passi ai fatti, serve timing preciso

Roma, 22 apr. (Apcom) – La riforma dell’editoria va realizzata “con urgenza e con la massima determinazione, pena il depauperamento di quel grande patrimonio sociale e culturale rappresentato dalla pluralità  delle voci della stampa italiana”.
A lanciare l’allarme è il presidente della Fieg, Carlo Malinconico, durante la presentazione alla Camera del rapporto sulla stampa in Italia.

“La Fieg – ha proseguito – non può che accogliere con grande favore l’iniziativa annunciata dal sottosegretario Paolo Bonaiuti di convocare, sulla scorta dell’esperienza francese, gli stati generali dell’editoria. Ma si passi al più presto ai fatti. Si avvii questo processo, ponendo però anche un timing preciso per elaborare proposte di riforma legislativa e di politica industriale, per evitare che la crisi si aggravi e determini dolorose fuoriuscite dal mercato dell’informazione”.

Vis

221436 apr 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari