Editoria

23 aprile 2010 | 12:09

CASAGIT: CDA APPROVA BILANCIO, POSITIVO DOPO ANNI DIFFICILI

POL:CASAGIT
2010-04-23 12:47
CASAGIT: CDA APPROVA BILANCIO, POSITIVO DOPO ANNI DIFFICILI
MA RIMANGONO DIFFICOLTA’, PESANO STATI CRISI E PREPENSIONAMENTI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 23 APR – “Bilancio positivo, dopo anni difficili, per la Casagit. Ma la strada da percorrere per mettere in sicurezza il futuro della Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani resta ancora lunga”. A spiegarlo è il Consiglio di Amministrazione che ha approvato ieri sera all’unanimità  e dopo approfondito dibattito il Consuntivo 2009 che verrà  sottoposto al voto dell’Assemblea Nazionale dei Delegati il prossimo 20 maggio. “Il Bilancio della Casagit per l’anno 2009 – informa una nota – chiude con un attivo di 2.676.636 euro. Una buona notizia che permette alla Cassa di tornare ad alimentare il Fondo di Garanzia che supera quota 11.300.000 euro. Nel 2009 la Casagit ha assistito oltre 43 mila iscritti erogando prestazioni per quasi 74 milioni di euro”. Tuttavia, secondo la Casagit, “la prospettiva resta difficile, ulteriormente complicata dal peso degli stati di crisi delle aziende editoriali, dai tanti prepensionamenti e anche dagli ultimi interventi governativi. La revoca delle agevolazioni tariffarie postali rappresenta un danno importante per i giornali diffusi in abbonamento e può portare ad ulteriori gravi conseguenze occupazionali. E’ un quadro molto complesso quello che si prospetta per i giornalisti italiani e per la Casagit. Ne offre concreta evidenza il Bilancio Tecnico Attuariale – elaborato per la prima volta nella storia della Cassa – che mostra l’urgenza di provvedimenti strutturali a garanzia della sostenibilità , nel medio e lungo periodo, dei conti dell’ente che tutela la salute dei giornalisti italiani e dei loro familiari”. “Il Bilancio Attuariale, elaborato da esperti del settore, analogamente a quanto avviene da sempre per gli Istituti di Previdenza, propone diversi scenari e già  nel medio termine evidenzia nuove difficoltà . Uno strumento importante che consentirà  anche alla Casagit di valutare concretamente gli effetti della crisi generale della categoria e servirà  a misurare il peso economico e l’efficacia di ogni intervento di riforma della Cassa”, spiega ancora il comunicato. Per il Presidente Daniele Cerrato “c’é soddisfazione ma occorre più che mai lavorare per stabilizzare i conti dell’ente per almeno un decennio. Le indicazioni dell’Attuario ci dicono che il futuro deve essere guardato con estrema prudenza. Resta la necessità  di proseguire in una rigorosa ed equa azione di governo dei meccanismi di contribuzione e di spesa”. Il Cda esce confortato anche dalle previsioni di breve termine. Quelle per il 2010 si mantengono positive grazie al lavoro fatto e ai provvedimenti adottati a partire dal 1 marzo di quest’anno. (ANSA).
COM-STF/ S0A QBXB