Editoria

23 aprile 2010 | 14:22

EDITORIA:FIEG, C’E’ MONOPOLIO PT,NON POSSIAMO CONTRATTARE TARIFFE

EDITORIA:FIEG, C’E’ MONOPOLIO PT,NON POSSIAMO CONTRATTARE TARIFFE
(AGI) – Roma, 23 apr. – Esiste un monopolio, rappresentato da Poste Italiane, “e non abbiamo possibilita’ di contrattare. Le Poste per legge dovevano fissare una tariffa del miglior cliente ma e’ stato impossibile. E’ rimasta la tariffa piena, c’e’ un tavolo di trattativa difficile”. Lo ha detto Carlo Malinconico, presidente della Fieg, durante l’intervento tenuto al convegno promosso dalla Federazione italiana editori liberi e durante il quale e’ tornato a toccare il tasto delle tariffe postali per gli abbonamenti. E cosi’ come aveva gia’ fatto ieri alla Camera nel corso della presentazione della relazione sullo stato del settore dell’editoria nel biennio 2007-2009, Malinconico ha ribadito che il problema delle tariffe postali ha una rilevanza significativa nei costi delle imprese editoriali. E se poi si aggiunge che all’improvviso le agevolazioni per le spedizioni postali spariscono e ora si applica – almeno cosi’ sara’ fino ad eventuale provvedimento governativo diverso – la tariffa piena, ecco che la situazione diventa ancor piu’ precaria: “Non e’ cosi’ facile – ha detto infatti Malinconico – trovarsi a meta’ anno con una previsione di bilancio sbagliata. Vorrei sentire risposte positive”. Il presidente della Fieg ha parlato quindi di Mol delle aziende del settore che “si sta avvicinando allo zero. Se non ci sono risorse per investire, diventa difficile fare impresa”. Malinconico ha aggiunto che l’intento della Fieg e’ stato ieri, ed anche oggi, “segnalare l’esigenza di un sistema piu’ flessibile ed anche quella della qualita’”. Poi un accenno anche all’accesso alla professione giornalistica: “Questo e’ un tema serio, il problema della concorrenza ce l’ha anche l’Ordine dei giornalisti. L’accesso alla professione dev’essere pulito, e l’Ordine controlli la deontologia”. Infine, “non crediamo alle sanzioni penali ai giornalisti”. (AGI) Vic