De Agostini/ Ceretti: Dea-Fimit fase preliminare, progetto buono Pellicioli: Tempi difficili da prevedere, siamo all’inizio

Apc-De Agostini/ Ceretti: Dea-Fimit fase preliminare, progetto buono
Pellicioli: Tempi difficili da prevedere, siamo all’inizio

Milano, 26 apr. (Apcom) – Le trattative con Fimit Sgr per un’eventuale fusione con First Atlantic Real Estate Sgr, società  indirettamente partecipata da Dea Capital, sono ancora in “fase preliminare” ma “la bontà  del progetto giustifica il nostro sforzo per portare a conclusione l’operazione”. Lo ha detto Paolo Ceretti, amministratore delegato di Dea Capital, nel corso dell’assemblea annuale della società  del gruppo De Agostini attiva nel private equity e nell’alternative asset management.
Lo scorso 15 aprile Dea e Fimit avevano comunicato l’avvio di uno studio di fattibilità  a riguardo. Sulla tempistica, il presidente di Dea Capital, Lorenzo Pellicioli, non si è voluto sbilanciare: “Siamo talmente all’inizio – ha detto – I tempi sono difficilmente definibili, abbiamo cominciato a parlare”.

Attraverso l’unione delle due società , ha ricordato Ceretti, si creerebbe la prima sgr immobiliare italiana indipendente che “in termini prospettici potrà  dare vita a un’operazione con dimensioni interessanti anche per gli investitori esteri che volessero investire nel nostro Paese”. Più in generale Ceretti, nel corso dell’assemblea, ha spiegato che per il prossimo triennio Dea Capital intende consolidare la propria presenza nel settore dell’asset management, grazie anche alla disponibilità  di una linea di credito sino a 150 milioni di euro (scadenza 2013), ancora integra.

Rar

261417 apr 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari