Editoria

28 aprile 2010 | 16:05

RCS:BENE AVVIO ANNO, CORSERA E GAZZETTA PRONTI PER IPAD/ANSA

RCS:BENE AVVIO ANNO, CORSERA E GAZZETTA PRONTI PER IPAD/ANSA
FOCUS SU COSTI E RICAVI, RESTA BLOCCATO PREZZO DELLA ROSEA
MILANO
(ANSA) – MILANO, 28 APR – E’ ripartita la pubblicità  e il gruppo Rcs MediaGroup si dice soddisfatto sul primo trimestre. Manca però visibilità  sul futuro al di là  del brevissimo termine e i livelli in avvio d’anno sono comunque lontani da quelli pre-crisi. Il focus resta così sul contenimento dei costi, con un occhio anche a possibili dismissioni, e soprattutto sulla crescita dei ricavi. Viene escluso un aumento del prezzo in edicola anche della Gazzetta dello Sport, dopo quello del Corriere della Sera di inizio anno. La prima scommessa, intanto, sarà  già  a fine maggio quando con l’arrivo dell’iPad in Italia verrà  offerto anche il Corriere sul tablet pc della Apple. Sfida importante di lì a poco anche per la Gazzetta, che punta ad esser pronta per la tavoletta digitale per i mondiali di calcio in Sudafrica. “L’andamento di questi primi mesi è positivo, siamo soddisfatti. Ma in questo primo trimestre siamo nettamente inferiori al pari periodo di due anni fa”, ha detto l’amministratore delegato di Rcs Antonello Perricone nel giorno dell’assemblea di bilancio (il Cda sulla trimestrale sarà  il 12 maggio). La capacità  di prevedere come andrà  la raccolta “é di brevissimo termine – ha spiegato -. Oggi siamo al 28 aprile, posso assicurare che non abbiamo visibilità  completa per la pubblicità  quotidiani per il mese di maggio”. Allo studio ci sono “serie riflessioni” su possibili cessioni in Italia o all’estero, ha spiegato poi. I ragionamenti riguardano “tutti gli asset non strategici del gruppo”, ma “ad oggi non esistono trattative per singole testate o per gruppi di testate”. Se il secondo trimestre sarà  altrettanto “dignitoso” del primo, ha spiegato poi l’A.d di Rcs, ci saranno “tutte le condizioni per elaborare un nuovo piano triennale, che presenteremo entro fine anno facendo coincidere il budget del 2011 con il primo anno del piano”. Nel 2010 l’indebitamento verrà  tenuto sotto controllo “con la gestione ordinaria senza ricorrere a operazioni straordinarie” e vengono esclusi piani di aumento di capitale o emissione obbligazionaria. “Non c’é nessuna rassegnazione, nessun confidare in chissà  quale provvidenza che ci tiri fuori da questa situazione – ha detto il presidente Piergaetano Marchetti -. Sappiamo che siamo noi gli artefici del nostro destino”. Il presidente ha quindi escluso siano in vista modifiche nel Cda di Rcs dopo i recenti cambiamenti al vertice di alcune delle società  che partecipano al patto di sindacato dell’azienda editoriale, con il passaggio del testimone in Fiat da Luca Cordero di Montezemolo a John Elkann, con l’arrivo di Cesare Geronzi alla guida della Generali e la prevista nomina di Renato Pagliaro alla presidenza di Mediobanca.(ANSA).
RS/ R64 S42 S0A QBXB