Televisione

30 aprile 2010 | 13:43

DIGITALE TERRESTRE: CAPPELLACCI, MAI DETTO DI SOLE 2 TV SARDE

DIGITALE TERRESTRE: CAPPELLACCI, MAI DETTO DI SOLE 2 TV SARDE
(AGI) – Cagliari, 30 apr. – “Non ho mai detto, che in Sardegna vi sono due televisioni, ma ho semplicemente ribadito la richiesta che, nella collocazione dei canali sul digitale terrestre, le posizioni 8 e 9 del telecomando siano riservate alle emittenti regionali”. Lo precisa il presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci, dopo la pubblicazione della stampa nazionale di dichiarazioni a lui attribuite secondo cui, in Sardegna vi sarebbero solo due emittenti private. “E’ stata evidentemente fraintesa una mia frase-spiegazione, all’uscita dall’incontro di mercoledi’ scorso a Roma con il presidente dell’Agcom Corrado Calabro’. Ho, infatti, detto che avevo sollecitato i responsabili dell’Autority a rivedere una decisione che avrebbe gravi conseguenze per le emittenti locali, con l’assegnazione di tutti i 9 tasti del telecomando alle tv nazionali. In sostanza ho ribadito la richiesta di riservare almeno 2 canali alle emittenti regionali e, evidentemente, qualcuno l’ha interpretato come un riferimento preciso a 2 tv. Circostanza che sarebbe stata palesemente contraddittoria dal momento che ho sempre sostenuto, assieme agli altri presidenti di regione, che la nostra e’ innanzitutto una battaglia a favore del pluralismo dell’informazione e del sistema della comunicazione radiotelevisiva, nello spirito di una vera democrazia che tutela le identita’, le tradizioni e la cultura proprie delle diverse regioni italiane”. (AGI) Com