Televisione

30 aprile 2010 | 14:34

RAI: NUOVI LOGHI E CANALI, MONDIALI IN HD, POI PAY E 3D/ANSA

RAI: NUOVI LOGHI E CANALI, MONDIALI IN HD, POI PAY E 3D/ANSA
GARIMBERTI,E’ SVOLTA; MASI,AZIENDA HA RISORSE PER SUPERARE CRISI
ROMA
(di Angela Majoli) (ANSA) – ROMA, 30 APR – La parola d’ordine è riconoscibilità . La scommessa, mantenere la centralità  del servizio pubblico anche nella tv del futuro. Con questi presupposti la Rai lancia dal 18 maggio il restyling di loghi e canali, si prepara a trasmettere i Mondiali in alta definizione, non esclude di mettere a punto un’offerta a pagamento e sperimenta il 3D in occasione della finale di Coppa Italia Roma-Inter del 5 maggio (ma non sarà  visibile agli utenti). Dal 18 maggio – data dello switch over (il passaggio di Raidue e Retequattro sul digitale terrestre) in Lombardia, Piemonte orientale, Parma e Piacenza – cambiano dopo dieci anni i loghi dei canali, che negli anni si erano diversificati. Il simbolo diventa un rettangolo diviso in due quadrati, il primo con la scritta Rai – alla quale si alternerà  per brevi momenti la farfalla – e il secondo con il nome del canale. L’offerta sarà  poi articolata in tredici canali: accanto a Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai 4, Rai News, Rai Storia, Rai Sport 1, ecco Rai Movie (erede di Raisat Cinema), Rai Yoyo (già  Raisat Yoyo, per i bimbi in età  prescolare), Rai Gulp (per i ragazzi), Rai Sport 2, Rai Hd (al via con i Mondiali) e Rai 5 (il canale dedicato alle culture che sarà  realizzato a Milano e, tra documentari, reportage e magazine dovrà  di valorizzare anche l’Expo 2015). “Non è un lifting né un’operazione di facciata”, avverte il presidente Paolo Garimberti, che non esita a parlare di “svolta: siamo davanti alla Rai del futuro. Nei prossimi anni la situazione aziendale non sarà  delle più rosee: ci saranno probabilmente momenti difficili, ne discuteremo in cda. Ma non dobbiamo scoraggiarci, anzi dobbiamo credere sempre di più nel futuro”. Di qui la necessità  di una “spinta propulsiva che dia sempre più legittimazione e credibilità  alla Rai: la nuova offerta di 13 canali ne rappresenta un momento fondamentale”. All’insegna dell’”orgoglio aziendale” anche l’intervento del direttore generale Mauro Masi: “E’ vero che l’azienda ha di fronte a sé momenti difficili, ma ha tutti gli strumenti per affrontarli e risoverli con le proprie risorse. Oggi lanciamo la più grande offerta free in Europa. Il digitale è una scommessa vinta, che non ha eroso la forza dell’offerta tradizionale, visto che quest’anno abbiamo vinto tutte le sfide degli ascolti. La Rai come servizio pubblico è in regola ed è più forte di prima, pronta a uscire rafforzata dalla competizione tra le piattaforme e all’interno della singola piattaforma”. Il restyling grafico, sottolinea il vicedirettore generale Antonio Marano, “serve a lanciare il marchio che deve identificare la famiglia Rai, ma centrale è il contenuto che deve a sua volta identificare il singolo canale. Contenuto che andremo a valorizzare anche sul web e sulla telefonia mobile”. Gli sforzi per ridisegnare l’offerta hanno già  premiato la Rai: “Nelle aree all digital – spiega il vicedirettore generale Giancarlo Leone – i canali specializzati Rai hanno raggiunto il 7% di ascolto e il 65% di questa quota è raccolto dai canali di Rai Sat, a smentire le polemiche legate al mancato rinnovo del contratto con Sky. Inoltre nei primi quattro mesi del 2010 nelle aree già  digitalizzate la Rai viaggia su una media del 44% nelle 24 ore e del 46% in prime time. Abbiamo contenuto il calo legato alla moltiplicazione dell’offerta e i canali tematici hanno portato valore aggiunto: i nostri diretti competitor, invece, sia in chiaro sia a pagamento, sono calati”. Per il futuro, “non si esclude affatto di poter predisporre un’offerta a pagamento – spiega Leone – ma la decisione deve essere presa e ratificata in sede di approvazione del nuovo piano industriale da parte del cda”. Per Roma-Inter del 5 maggio si sperimenterà  la trasmissione in 3D, mentre le partite dei Mondiali, nelle aree all digital e in Lombardia, andranno in onda in HD sul canale 501, ovvero Rai 1 HD che diventerà  poi Rai HD e ospiterà  sport, film e fiction, tutti in alta definizione. (ANSA).
MAJ/ S0A QBXB