Comunicazione

03 maggio 2010 | 9:58

FINI, IN POLITICA STOP A ‘PRESENTISMO’ E A CULTURA SONDAGGIO

FINI, IN POLITICA STOP A ‘PRESENTISMO’ E A CULTURA SONDAGGIO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 3 MAG – “Oggi viviamo un inno al presentismo. Non solo in Italia o in Europa ma nell’intero Occidente soffriamo di uno schiacciamento sull’immediato, con la cultura del sondaggio diventata l’unica strategia”. E’ l’analisi che il presidente della Camera Gianfranco fini traccia, riferendosi alla politica oggi, aprendo i lavori di un seminario di ‘Farefuturo’. Il presidente della Camera parla di Europa. Sostiene che, a fronte della ratifica del Trattato di Lisbona “che conferisce all’Europarlamento di Strasburgo il massimo dei poteri da esso mai avuto”, si registra il minimo di affluenza alle elezioni europee. Ma poi punta il dito sulla politica del “market to market”, sottolineando che per uscire da questa situazione “serve una cultura rinnovata e strategica, capace di pensare alle ricadute di ogni politica sulla vita e sul futuro di ogni cittadino. Una cultura che sia libera dalla politica della paura dell’altro e del nuovo”. Insomma, gli elementi di criticità  della politica di oggi per Fini si chiamano “presentismo e localismo”. Per superarli invoca “uno slancio”. “La verità  – rileva – è che negli ultimi 15 anni il mondo è profondamente cambiato e la politica, a destra come a sinistra, non ha compiuto alcuno sforzo per modificare il proprio linguaggio, scegliendo purtroppo di cavalcare le paure ed il presentismo e cercando un consenso di breve periodo ed abdicando, così, ad una visione di prospettiva”. (ANSA).
FLB/SCN S0A QBXB