Editoria

03 maggio 2010 | 14:11

EDITORIA: NASCE NTNN,L’AGENZIA INTERNAZIONALE DEL MONDO CAPOVOLTO

EDITORIA: NASCE NTNN,L’AGENZIA INTERNAZIONALE DEL MONDO CAPOVOLTO
(AGI) – Roma, 3 mag. – Nasce l’agenzia giornalistica internazionale ‘Not in the news net’ (Ntnn), quotidiano on line che da’ voce “a chi non c’e’ l’ha” e alle “notizie che non fanno notizia”, come ha spiegato al lancio dell’iniziativa il Nobel per la Pace Betty Wiliams, ispiratrice nonche’ anima del progetto. L’iniziativa editoriale, presentata alla sala delle Colonne di Palazzo Marini, Camera dei dputati,e’ nata lungo il percorso della ‘Citta’ della pace’ per i bambini orfani delle guerre, accolti nei comuni lucani di Sant’Arcangelo e di Scanzano Jonico. Il primo nucleo della ‘citta’, che sorgera’ sui sette ettari di terreno deputati nel 2003 dal governo a diventare deposito unico nazionale delle scorie nucleari ed ‘espropriati’ pacificamente dai cittadini della Basilicata, sara’ inizialmente costituito da dieci aule, laboratori e una foresteria, mentre il primo gruppo di 29 famiglie di bambini rifugiati sara’ accolto a Sant’Arcangelo. Parole chiave dell’inedito notiziario, ha spiegato il direttore, Emanuele Giordana, “saranno diritti, risorse ed energie dei giovani”. E ha spiegato: “I diritti sono quelli dei bambini che saltano sulle mine e muoiono di tbc prima di raggiungere i 5 anni d’eta’ nell’indifferenza dell’opinione pubblica, mentre le risorse e l’energia sono quelle dei giovani, delle loro idee e di quello che hanno in testa per scrivere il ‘loro futuro’”. Le loro storie, racconti e proposte saranno accompagnati sulla home page di www.ntnn.info da una rubrica dedicata alle notizie dai cinque continenti “per non dimenticare -ha sottolineato Giordana- che la Terra e’ rotonda e che i fatti non vanno interpretati da un unico punto di vista”. Il sito, on line da oggi in italiano sara’ presto tradotto nelle quattro lingue piu’ diffuse: inglese, cinese, arabo e spagnolo. Il progetto e’ sostenuto, oltre che dalla Regione Basilicata e dai comuni di Sant’Arcangelo e Scanzano, dalla Fondazione Vodafone che ha investito 200mila euro nel lancio dell’iniziativa e che, ha spiegato il segretario generale Ida Linzalone, finanzia in Italia programmi per i minori disagiati delle periferie urbane. (AGI) Gav