TLC

06 maggio 2010 | 9:22

Tlc: Calabro’ auspica coinvolgimento Telecom I. in rete (MF)

06 May 2010 08:42 CEDT Tlc: Calabro’ auspica coinvolgimento Telecom I. in rete (MF)

MILANO (MF-DJ)–Anche se non e’ ancora ufficialmente partito, il piano per la costruzione di una rete di nuova generazione alternativa a quella di Telecom Italia messo a punto da Fastweb, Vodafone e Wind continua a catalizzare l’attenzione degli operatori e delle istituzioni. In attesa dei dettagli, che saranno comunicati domani dai 3 operatori, ieri si e’ registrata la decisa presa di posizione da parte del presidente dell’Autorita’ per le Garanzie nelle Comunicazioni, Corrado Calabro’. “Non credo che Fastweb, Wind e Vodafone vogliano fare una rete di nuova generazione senza Telecom Italia; bisogna vedere se Telecom vuole farla con loro”, ha sostenuto in merito al progetto, auspicando un dialogo tra gli operatori alternativi e Telecom. “Siamo in uno stadio di elaborazione ancora informe, bisogna trovare consensi e punti di incontro, speriamo che li trovino”, ha spiegato Calabro’.

Intese auspicabili, si legge in MF, anche per un uso ottimale delle risorse messe a disposizione dal governo, ovvero gli 800 mln euro destinati proprio allo sviluppo dell’infrastruttura di rete a banda larga. Risorse largamente insufficienti a un progetto di questa portata, che richiede uno sforzo fuori dalla portata di un singolo operatore, compresa la stessa Telecom Italia, ma che e’ necessario al sistema Italia per mantenersi competitivo con il resto d’Europa. Il vero punto per il decollo del piano rimane quindi nella difficile messa a punto di nuovi equilibri tra Telecom e gli altri operatori coinvolti nel progetto, che dovra’ basarsi sugli asset e le risorse che saranno conferite ma che, per il carattere epocale dell’opera e il profondo mutamento degli attuali rapporti di forza che comporta, dovra’ superare non poche resistenze e vedra’ il governo come il vero arbitro della partita. red/gt

(END) Dow Jones Newswires

May 06, 2010 02:42 ET (06:42 GMT)

Copyright (c) 2010 MF-Dow Jones News Srl.