TELECOM: CALANO RICAVI E MARGINI ITALIA, MIGLIORA BRASILE

MILANO
(ANSA) – MILANO, 6 MAG – I risultati del primo trimestre di Telecom Italia evidenziano una contrazione di ricavi e margini per quanto riguarda la divisione italiana e un miglioramento di quelli relativi al mercato brasiliano. La nota sui conti registra infatti, per quanto riguarda la divisione domestica, ricavi pari a 4.974 milioni, con una flessione del 7,1% rispetto ai 5.357 milioni del primo trimestre 2009. L’Ebitda (margine operativo lordo) della business unit ‘domestic’, pari a 2.451 milioni, evidenzia una riduzione di 72 milioni rispetto al corrispondente periodo del 2009 (-2,9%). La contrazione dei ricavi, sottolinea Telecom, “é in parte compensata dal selettivo controllo della spesa commerciale e dal rigoroso contenimento dei costi fissi”. L’Ebit (risultato operativo) scende a 1.366 milioni (-1,9%) mentre gli investimenti industriali calano di 81 milioni a 752 milioni, con una flessione di poco inferiore al 10%. Per quanto riguarda invece il Brasile, i ricavi del gruppo Tim Brasil nel primo trimestre 2010 sono stati pari a 3.469 milioni di reais (+8,2% sul 2009 e +3,5% a livello organico). Balza l’Ebitda, pari a 949 milioni di reais (+36,2%), grazie, si legge nella nota, alla crescita dei ricavi e ai recuperi di efficienza nelle aree non funzionali allo sviluppo commerciale. Passa in positivo l’Ebit (risultato operativo), pari a 162 milioni di reais, con un miglioramento di 178 milioni di reais rispetto al 2009. Più che raddoppiati infine gli investimenti industriali, passati a 689 milioni di reais (+374 milioni rispetto al primo trimestre 2009).
ALG/ R64 S42 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci