TLC:SOCIETA’ FIBRA; SCHLOTER, ITALIA DEVE DECIDERE ORA

TLC:SOCIETA’ FIBRA; SCHLOTER, ITALIA DEVE DECIDERE ORA
MILANO
(ANSA) – MILANO, 7 MAG – “L’Italia deve fare la scelta di investire sulla rete di nuova generazione ora. Se si aspetta, sorgerà  un problema e l’Italia sarà  irrimediabilmente arretrata rispetto a paesi come Germania, Francia, Stati Uniti, Scandinavia e Svizzera, dove esiste già  un progetto di rete di nuova generazione e si sta già  investendo”. L’ad di Fastweb Carsten Schloter spiega così il progetto per costruire un unica infrastruttura in fibra presentato congiuntamente con Vodafone e Wind. “Serve un intervento proattivo del Governo” aggiunge sulla stessa linea l’ad di Wind Luigi Gubitosi sottolineando “l’importanza di una volontà  politica” di realizzare questo progetto. La decisione dei tre operatori di non aspettare oltre e presentare il piano alle istituzioni e poi all’opinione pubblica nasce “anche un po’ dalla frustrazione perché da anni non succedeva nulla” ammette Gubitosi. L’intervento del Governo dovrà  essere più concreto di una ‘moral suasion’. “Se il Governo prenderà  la leadership del tavolo delle trattative – sottolinea l’ad di Fastweb, Carsten Schloter – nessun operatore avrà  interesse a rimanere fuori dal progetto”. “Una legge per lo ‘switch over’ come per il digitale potrebbe essere una soluzione ma se tutti gli operatori fossero d’accordo non ce ne sarebbe bisogno” riflette Gubitosi rispondendo alle domande dei giornalisti nel corso della presentazione del progetto ‘Fibra per l’Italià . “Non penso serva una nuova legge – sottolinea Schloter – è un interesse del Paese che va al di là  dell’intervento legislativo”. (ANSA).
BF/ R64 S42 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci