INTERNET: ECCO ROBOT CHE PROTEGGE BIMBI DA PERICOLI ONLINE

INTERNET: ECCO ROBOT CHE PROTEGGE BIMBI DA PERICOLI ONLINE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 10 MAG – Peluche-Robot proteggono i bambini dai cyberbulli e dai pedofili ‘appostati’ online. Sono dei social robot chiamati Petimos, sembrano dei pupazzi di peluche ma in realtà  vigilano sul bambino quando è collegato in internet e avvertono i genitori ogni qualvolta il figlio riceva una richiesta di amicizia sospetta. L’inventore del pupazzetto proteggi-bambini è Adrian David Cheok della National University di Singapore. Per ora, è spiegato sul magazine britannico New Scientist, i robottini funzionano solo sul loro social network e non su tutti, ma in futuro potrebbero diventare gli amici fedeli dei navigatori più indifesi dello spazio virtuale e accompagnarli su qualunque sito proteggendoli. Una recente indagine ha evidenziato che quasi un bambino su 5, (18%) di 8-10 anni usa social network dedicati ai più piccoli: My Secret Circle, Yoursphere e FaceChipz per esempio. Altre indagini suggeriscono che qualcosa come tre bambini su 10 sono stati vittime di bullismo online. Un amico fidato che li aiuti a navigare sicuri in acque tempestate da malintenzionati è dunque molto utile. I Petimos hanno ciascuno il proprio avatar e mentre il bambino comunica fisicamente con il proprio Petimo di peluche l’avatar del robot agisce nella rete. Inoltre i Petimos dei suoi amici comunicano tra loro attraverso i propri avatar; infine avvertono i genitori di intrusioni sospette.(ANSA).
Y27-PR/ S04 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)