Editoria

13 maggio 2010 | 16:34

Editoria/ Stampa romana: Stato di agitazione a quotidiano ‘Terra’

Apc-Editoria/ Stampa romana: Stato di agitazione a quotidiano ‘Terra’
Ok a due giorni di sciopero da utilizzare “come misura estrema”

Roma, 13 mag. (Apcom) – L`assemblea congiunta dei redattori, dei poligrafici e del personale amministrativo di ‘Terra’, riunitasi ieri, d`intesa con l`Associazione Stampa Romana, ha deciso di rinnovare lo stato d`agitazione votato a gennaio ed esprime ancora una volta la sua “profonda preoccupazione per la situazione in cui versa la testata. Da molti mesi – si legge in una nota diffusa dal sindacato dei giornalisti del Lazio – i lavoratori dell`azienda stanno affrontando la crisi economica che coinvolge anche il nostro giornale, accettando notevoli sacrifici, professionali ed economici: alla riduzione del salario seguita alla firma del contratto di solidarietà  si è infatti sommata, a partire da dicembre, la mancata regolarità  nella corresponsione degli stipendi, l`ultimo dei quali è stato percepito due mesi fa”.

“A fronte di questo, l`azienda – prosegue il comunicato sindacale – non ha ancora presentato ai lavoratori un quadro chiaro della sua situazione economica e delle eventuali iniziative che sono state adottate per superare la crisi. Nonostante le ripetute rassicurazioni dei nostri amministratori circa lo sblocco del finanziamento pubblico di cui il giornale usufruisce, ad oggi detto finanziamento risulta ancora bloccato, sottoposto a controlli da parte delle autorità  preposte”.

“In questa sede l`assemblea dei lavoratori – scrivono i dipendenti di Terra – esprime inoltre il proprio disappunto per la continua violazione da parte dell`azienda delle norme sindacali che impongono di informare il Comitato di redazione in merito a qualunque tipo di ‘mutamento e assegnazione di mansioni e qualifiche ed ogni iniziativa che riguardi l`organizzazione dei servizi (giornalistici)’, a norma dell`articolo 34 del Contratto nazionale di lavoro giornalistico. Questo tipo di comunicazione, infatti, è quasi sempre mancata. Dando mandato agli organismi sindacali di muoversi in direzione della propria tutela nella difficile situazione attuale, l`assemblea dei lavoratori ha deciso – conclude la nota – di approvare all`unanimità  un pacchetto di due giorni di sciopero da utilizzare eventualmente come misura estrema per protestare contro una gestione aziendale che non offre sufficienti garanzie concrete circa il futuro della testata”.

Red/Bar

131650 mag 10