RAI: BERNABEI,UNA RETE SENZA PUBBLICITA’? NON E’ IMPOSSIBILE

RAI: BERNABEI,UNA RETE SENZA PUBBLICITA’? NON E’ IMPOSSIBILE
FIRENZE
(ANSA) – FIRENZE, 13 MAG – “Non è impossibile” pensare a una delle tre reti Rai senza pubblicità , “se si organizzano può anche essere”, ma occorre “superare una certa evasione al canone, che è sempre un buon gettito”. Lo ha detto Ettore Bernabei, direttore generale della Rai dal 1961 al 1974 e oggi presidente onorario della Lux Vide, a margine di una conferenza a Firenze sul tema ‘Il potere della televisione anche nell’era digitalé. L’incontro di oggi rientra nell’ambito della Settimana della comunicazione organizzata dalla Commissione regionale Cet per le comunicazioni sociali, l’ufficio comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi di Firenze e il vicariato di Porta Romana. “Il potere della televisione esiste ed esisterà  – ha spiegato Bernabei a proposito dell’argomento della sua conferenza – perché, come dicono recentissime rilevazioni statistiche, il 97% della popolazione italiana guarda la televisione almeno 3 ore al giorno: una percentuale più alta di quelli che sono davanti ad un computer”. “Non sono pessimista – ha continuato -: credo che si possa tornare ad una televisione che abbia una sua funzione civile e di formazione umana” e questo lo può fare “certamente la Rai, come azienda pubblica, che deve rimanere pubblica”. Per Bernabei infine “anche le televisioni commerciali devono tenere conto che, nell’aumento di possibilità  di scelta, il pubblico ha sempre più esigenze di buona qualità “. (ANSA).
Y6G-CG/ S57 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi