GIORNALISTI: SIDDI, PRECARIATO RENDE PROFESSIONE MENO LIBERA

GIORNALISTI: SIDDI, PRECARIATO RENDE PROFESSIONE MENO LIBERA
TRIESTE
(ANSA) – TRIESTE, 17 MAG – Il precariato e il lavoro sommerso rendono il giornalismo “meno libero, più povero e più condizionabile”: lo ha affermato Franco Siddi, segretario nazionale della Fnsi, oggi a Trieste. Partecipando con il presidente nazionale del sindacato, Roberto Natale, all’assemblea annuale dell’Assostampa regionale del Friuli Venezia Giulia, Siddi ha sottolineato che si tratta di un “problema drammatico che riguarda tutte le categorie del lavoro intellettuale”. Il precariato e il lavoro nero, secondo Siddi, “dovrebbero essere al centro dell’attenzione politica. Senza un nuovo welfare, una nuova politica per il lavoro che metta insieme diritti dei lavoratori dipendenti con quelli degli autonomi e precari, non se ne esce. La schiena diritta di molti colleghi – ha concluso – può non bastare più a tenere in piedi la coesione sociale”. (ANSA).
Y1T-BUO/ S0A S41 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari