TLC:CATRICALA’,IN SOCIETA’RETE MURAGLIA CINESE TRA OPERATORI

TLC:CATRICALA’,IN SOCIETA’RETE MURAGLIA CINESE TRA OPERATORI
PER DEFINIRE REGOLE POSSIBILE UTILIZZARE LEGGE SU CONCORRENZA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 18 MAG – La società  per la fibra ottica alla quale stanno lavorando gli operatori telefonici dovrà  avere “regole di governance che assicurino una muraglia cinese tra di loro, in modo che possano parlarsi solo delle questioni meramente tecniche”. Così il presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà , fissa i paletti per il rispetto della concorrenza al progetto presentato da Wind, Fastweb e Vodafone e nel quale, secondo il governo, sarebbe opportuno entrasse anche Telecom Italia. Il presidente dell’Antitrust, parlando a margine dell’Assemblea nazionale dei Cavalieri di Gran Croce, ha detto di aver incontrato “prima i tre operatori e poi Telecom Italia”. A Catricalà , “piace l’idea di avere una società  che faccia rete, con la conduzione di Telecom Italia e garanzie per gli altri operatori”. L’architettura, ha proseguito, potrebbe essere quella di “un terzo di capitale pubblico, un terzo di Telecom (anche con conferimenti di rete) e un terzo degli altri operatori”. A dettare le regole sarebbe l’Agcom, che “potrebbe anche utilizzare come veicolo la legge sulla concorrenza che abbiamo consegnato al ministero dello Sviluppo economico”.(ANSA).
FP/ R64 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci