TV:DIGITALE;RAINEWS,ASR DENUNCIA RAI,INTERRUZIONE SERVIZIO

TV:DIGITALE;RAINEWS,ASR DENUNCIA RAI,INTERRUZIONE SERVIZIO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 18 MAG – Il segretario dell’Associazione Stampa Romana, Paolo Butturini, in qualità  di legale rappresentante dell’Asr, e d’intesa col vicesegretario Vittorio Di Trapani ha dato mandato all’avvocato Bruno del Vecchio di denunciare la Rai per interruzione di servizio pubblico. “Questa mattina i telespettatori – rileva Butturini – del digitale terrestre e satellitare hanno avuto una brutta sorpresa: chi avesse provato a sintonizzarsi sul canale abitualmente riservato a Rainews24 non è riuscito a farlo. Tecnicamente si tratta, nell’ambito della trasmigrazione al digitale terreste, di uno spostamento dal Multiplex 2 al multiplex 1. Peccato che la Rai abbia omesso di avvertire gli utenti, com’era suo dovere fare. Non basta qualche annuncio distratto seminato a casaccio in qualche contenitore, il pubblico andava avvisato per tempo e con modalità  chiare, per altro ben note ai dirigenti Rai”. Secondo Il segretario Asr “nella migliore delle ipotesi si tratta di una sciatteria che comunque la dice lunga su come sia gestito il servizio pubblico ai tempi del conflitto di interesse. Nella peggiore, invece, si tratta dell’ennesima penalizzazione che subisce il canale All News della Rai già  privato di adeguate risorse per reggere la sfida con la concorrenza. L’abbiamo detto e lo ripetiamo: penalizzare Rainews24, così come gestire l’intero servizio pubblico nel modo attuale, significa fare una danno all’informazione, agli equilibri democratici, alla professionalità  dei colleghi e anche alle tasche dei cittadini che pagano il canone”. Un ” andazzo” contro il quale l’Associazione Stampa Romana “continuerà  a battersi a fianco dei Cdr e delle redazioni”.   (ANSA).
TH/ S42 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi