Editori e blogger sul cellulare con Wind

Costruirsi, in pochi minuti e senza alcun costo, un sito mobile accessibile da 43 milioni di telefonini (tanti sono in Italia i cellulari in grado di navigare sul web): è quanto offre Wind con l’innovativo servizio Libero tutti, lanciato qualche giorno fa sul portale Libero.it. Un’opportunità  interessante per una vasta platea di utenti, dai blogger alle aziende, agli editori. “Prima della partenza ufficiale”, afferma Antonio Converti, direttore della business unit portal and vas di Wind, “il servizio è stato sperimentato proprio da un gruppo di publisher tra cui Fox Channel, Panorama, Donna Moderna, Milano Finanza, Affaritaliani, MyMovies e da dieci tra i più noti blogger italiani: la risposta è stata molto positiva”. Anche Primaonline ha sperimentato il servizio con la rubrica ‘Muy Confidencial’ (il sito si chiama Prima-Muy: prima-muy.m.libero.it).
All’indirizzo mobile m.libero.it e sul web a liberomobile.libero.it c’è il catalogo dei siti già  disponibili, con la classifica di quelli più visti e più recenti; cliccando sul logo di un sito l’utente si iscrive al servizio e da quel momento può leggere i contenuti del sito sul proprio cellulare (tecnicamente il sistema si basa sui feed rss).
Due i modelli di business di Libero tutti: la pubblicità  mobile (“Il mercato sta partendo e noi vogliamo avere un ruolo importante”, dice Converti) e il revenue sharing, la condivisione dei ricavi nel caso di contenuti a pagamento. “Gli editori possono infatti decidere di far pagare i propri contenuti”, spiega ancora Converti. “In questo caso divideremo i proventi; inoltre forniremo il servizio di billing”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 406 maggio 2010

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’ è in edicola con ‘Prima Comunicazione’. La guida festeggia 30 anni e lancia il progetto W l’Italia

L’edizione 2018 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’ in edicola, allegata a ‘Prima’, e disponibile in digitale

Fatti del mese – Pagina 13 corretta