da caposervizio a vice direttore del ‘Manifesto’

La nuova generazione dei giornalisti del Manifesto può essere sicuramente rappresentata da Angelo Mastrandrea, neo vice direttore del quotidiano comunista, che con successo si è candidato in ticket con la nuova direttora Norma Rangeri. Nato a Sala Consilina (Salerno) nel 1971, Mastrandrea, a differenza della vecchia guardia, non ha alle spalle tumultuose militanze politiche ma una solida preparazione universitaria: laurea in giurisprudenza e scuola di giornalismo alla Luiss. Dopo uno stage al Mattino di Napoli, il 2 maggio 1992 ne inizia un altro a via Tomacelli, allora sede del glorioso quotidiano fondato da Pintor, Rossanda, Magri e Parlato. Il suo interesse per la politica estera lo porta a inserirsi in quella redazione ma all’inizio con compiti limitati. Un paio di contratti a termine e un lavoro intenso lo fanno conoscere e apprezzare in redazione.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 406 – maggio 2010

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il dl dignità diventa legge. Via libera dal Senato con 155 sì

Bonisoli: Cinecittà e Rai collaborino di più. Calo di spettatori nelle sale? Serve soluzione italiana

Cda Rai, Rousseau sceglie Coletti e Cellini come candidati M5S – CHI SONO