TLC

24 maggio 2010 | 14:09

TLC: CALABRO’; POSSIBILE UNA SOLA RETE,OPERATORI COLLABORINO

TLC: CALABRO’; POSSIBILE UNA SOLA RETE,OPERATORI COLLABORINO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 24 MAG – “L’Autorità  è pronta a fare la sua parte ma, essendo una e una sola la rete realizzabile, la collaborazione fra gli operatori e fra gli operatori e le autorità  locali appare essenziale”. Lo ha ribadito il presidente dell’Agcom, Corrado Calabrò, facendo il punto sulle discussioni in corso per la realizzazione della nuova rete in fibra ottica: un investimento, ha avvertito, “a medio lungo termine, che non dà  una redditività  immediata”. Calabrò, che ha tenuto una conferenza stampa per presentare i risultati di un programma di ricerca sulle Ngn affidato ad alcune università , ha poi ricordato il ruolo che riveste l’Autorità  su questo specifico tema: “Come per il rame – ha oservato – il prezzo e le condizioni di cessione all’ingrosso della fibra devono essere regolati dall’Autorità . Così come deve essere concordata con l’Autorità  la pianificazione dello switch-off”. Proprio sullo switch-off, vale a dire la migrazione definitiva dal rame alla fibra, Calabrò ha avvertito che questo modello presuppone “necessariamente la partecipazione di Telecom Italia” ed “é necessariamente soggetto al controllo e alle regole dell’Autorità ”. Si tratta quindi di stabilire, ha proseguito, “poche regole, chiare e semplici, ma precise” tenendo presenti quattro capisaldi del nuovo sistema di regole per la fibra: la promozione del risk-sharing fra investitori; l’adeguato riconoscimento in tariffa del risk premium per chi investe; la disciplina della migrazione da rame a fibra; le condizioni tecniche ed economiche per l’accesso alla rete. L’obiettivo, insomma, è quello di “favorire gli investimenti nelle ngn e al contempo garantire la concorrenza fra operatori”. Il presidente dell’Agcom, ricordando i vari progetti locali in corso (Lombardia, Trento, Bolzano, alcune zone di Roma), ha poi rivelato che “c’é anche una regione del Sud che sta avviando un percorso virtuoso: è la Basilicata”.(ANSA).
FP/ R64 S0A QBXB