FACEBOOK: ‘QUIT DAY’, PER ORA SOLO 26 MILA ADESIONI

FACEBOOK: ‘QUIT DAY’, PER ORA SOLO 26 MILA ADESIONI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 31 MAG – Non sta ottenendo il seguito sperato il Quit Facebook Day, la giornata in cui gli utenti delusi dalle regole sulla privacy cancellano il proprio profilo sul social network. Indetta per oggi dagli organizzatori – due giovani canadesi – l’iniziativa finora ha raccolto poco più di 26 mila adesioni sul sito QuitFacebookDay.com, poche rispetto agli oltre 500 milioni di persone che nel mondo sono iscritte alla rete sociale. Inserito nella scia di critiche e polemiche sollevate da utenti, politica e stampa per la mancata protezione della privacy, il Quit Day non sembra essere riuscito a promuoversi. Negli Stati Uniti, stando a un sondaggio della Vision Critical, appena l’11% degli intervistati è a conoscenza dell’evento e, di questi, solo il 22% si dice intenzionato a cancellare il proprio volto da Facebook. “Gli utenti di Facebook sono sempre più preoccupati per la privacy, ma le previsioni apocalittiche di un abbandono di massa sono ampiamente sopravvalutate e, probabilmente, alimentate da un piccolo gruppo di assidui frequentatori del social network”, sostiene il vicepresidente di Vision Critical Matt Kleinschmit. I numeri, infatti, continuano a dar ragione a Facebook. Il mese scorso la rete sociale contava 540 milioni di utenti. Il dato proviene dalla lista Doubleclick Ad Planner di Google, che offre la classifica dei primi mille siti al mondo per numero di utenti, esclusi quelli della stessa Google. La rete sociale risulta prima, seguita da Yahoo! e Microsoft Live, e raggiunge la cifra impressionante di 570 miliardi di pagine visitate.(ANSA).
Y89-CAV/ S0A S04 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti