TV: LERNER, TRA DUE ANNI LASCIO PICCOLO SCHERMO

POL:TV
2010-07-01 12:24
TV: LERNER, TRA DUE ANNI LASCIO PICCOLO SCHERMO
INTERVISTA A ‘POCKET’; ULTIMO SFIZIO?, DIRIGERE IL TG1
ROMA
(ANSA) – ROMA, 1 LUG – “L’Infedele è arrivato all’ottava stagione. Ho rinnovato il contratto per un altro biennio. Poi basta. Ho 55 anni: arrivato a 57 sarà  giusto dare spazio ad altri più giovani”. Lo dice Gad Lerner in un’intervista al mensile ‘Pocket’ di luglio che ne ha diffuso un’anticipazione. “L’unico sfizio che ancora mi toglierei, per sei mesi o un anno, sarebbe – aggiunge – ripassare da Saxa Rubra e dirigere il Tg1: ma è un insano proposito, che non va necessariamente preso alla lettera”. “Sono tra i firmatari del patto di Luca Iosi, secondo il quale a 60 anni chi occupa una posizione di vertice debba farsi da parte in favore – spiega ancora – delle generazioni successive. Vivrò benissimo senza essere un protagonista della televisione. Già  oggi scrivo su tre testate: continuerò a fare il giornalista. E poi ho mille altri interessi che mi portano in tante direzioni. Penso alla mistica ebraica ad esempio”. Lerner traccia anche un bilancio della stagione appena conclusa de ‘L’Infedelé: “Nell’ultimo anno è cambiata la natura della trasmissione: ci accusavano di fare un programma che interessava solo a un club esclusivo e invece gradualmente questo club si è aperto a tanti nuovi soci. Sono cambiato anch’io, mi sono ritrovato ad essere più aperto, meno puntiglioso, pronto a intrattenere rapporti cordiali con chi la pensa all’opposto di me. L’Infedele è stata la trasmissione più vista del prime time de La7, passando dal 3% al 4% di share, con un milione di telespettatori e contatti prolungati che hanno raggiunto i 6-7 milioni. Ma – conclude – nella nuova stagione il primato se lo riprenderà , giustamente, Daria Bignardi con la sua trasmissione”.
LC/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi