Comunicazione

05 luglio 2010 | 13:39

P.A.: CERTIFICATI ONLINE, SNAMI ‘SISTEMA DA RIVEDERE’

P.A.: CERTIFICATI ONLINE, SNAMI ‘SISTEMA DA RIVEDERE’
(AGI) – Roma, 5 lug. – Lo Snami invoca il “buon senso”: il presidente nazionale Angelo Testa si dice “fortemente critico nei confronti della certificazione online”. Da mesi, sottolinea Testa in una nota, “chiedo di essere ascoltato senza riuscire a convincere che saremmo arrivati alla situazione odierna, che non assomiglia per nulla a quello che tanti saggi pensavano di ottenere”. E continua: “Ribadisco: lo Snami non e’ contro l’informatizzazione, e’ contro la superficialita’ e il pressappochismo. Sono diversi mesi che preannunciamo che le strutture messe in campo non avrebbero potuto sostenere un carico cosi’ pesante”. Inoltre vi sono regioni che “ancora oggi non hanno neanche iniziato le procedure per adeguarsi alla legge e quelle che lo hanno fatto sono in grandi difficolta’. Giocoforza e’ necessaria una lunga proroga, dove Snami continua a offrire il proprio contributo alla risoluzione delle criticita’”. Ma se la parte pubblica, ammonisce Testa, “continua a sbagliare interlocutore, abbiamo il triste sospetto che l’online per la certificazione non vedra’ mai la luce”. Conclude il presidente dello SNAMI: “Tra le tante criticita’, ne accenniamo alcune: l’obbligo della certificazione online da parte di tutti i medici, dipendenti e convenzionati, non si e’ considerato l’ulteriore carico burocratico piovuto sul medico che non e’ un impiegato, non si e’ tenuto conto dei macroscopici rilievi di ordine medico legale, non si e’ tenuto conto di un onere aggiuntivo al medico e non retribuito e tante altre che da mesi andiamo rilevando e denunciando”. A questo punto Snami chiede al ministro “non solo di prorogare i termini dell’obbligatorieta’ dell’entrata in vigore della legge, ma addirittura di rivedere tutto l’impianto per semplificare le cose e non per complicarle”. (AGI) Com