Editoria

06 luglio 2010 | 9:33

PDL: I GIORNALI DI ‘FAMIGLIA’ SPINGONO PER LA ESTROMISSIONE DI FINI

PDL: I GIORNALI DI ‘FAMIGLIA’ SPINGONO PER LA ESTROMISSIONE DI FINI
(ASCA) – Roma, 6 lug – Continua il pressing su Fini da parte degli organi di stampa vicini al Pdl e a Silvio Berlusconi nei confronti del presidente della Camera Gianfranco Fini. ”Fuori Brancher poi tocca a Fini” e’ il titolo del ‘Giornale’ che nel sommario sostiene: Il ministro piu’ breve della storia s’e’ dimesso. Un problema in meno per il premier che ora avvia le operazioni per disinnescare il nemico interno. Prima mossa: fiducia sulla manovra”. Archiviate le questioni di governo e la manovra, ”si arrivera’ pr forza -scrive Feltri nell’editoriale- allo scontro definitivo Fini-Berlusconi da mesi divisi su tutto e incapaci di trovare non dico un’intesa, ma neppure un modo per convivere senza danneggiare il lavoro dell’esecutivo”. ”Siamo ala stretta finale -prosegue Feltri- e non dovremo aspettare a lungo per constatare come si concludera’ la partita. Se teniamo conto che la maggioranza gode di 170 voti piu’ dell’opposizione un’eventuale uscita dei finiani (una trentina o forse meno) non provocherebbe contraccolpi sulla stabilita’ di governo. Un po’ di pazienza e tutto si chiarira’. Sperem”. Analoghe le valutazioni dell’editoriale di ‘Libero’ dove Maurizio Belpietro dice che ”il presidente della Camera non vuole nulla, ne’ essere consultato dal presidente del Consiglio prima delle grandi decisioni ne’ ministeri chiave per se’ o per alcuni dei suoi fedelissimi. Egli ha un solo obiettivo e si puo’ riassumere in due parole: pensionare Berlusconi”. Cio’ premesso anche ‘Libero’ fa il tifo per una soluzione dura, quella di estromettere Fini anche con una soluzione estrema: ”far fallire il Pdl e creare un nuovo partito per liberarsi del cofondatore”.