Tlc: Calabro’; unire sforzi su Ngn, finora idee poco concrete

06 Jul 2010 11:34 CEDT Tlc: Calabro’; unire sforzi su Ngn, finora idee poco concrete

ROMA (MF-DJ)–Per la rete di nuova generazione serve “un progetto Italia per una fiber Nation, che eviti costose duplicazioni delle infrastrutture civili e faccia fare al Paese il salto di qualita’ di cui ha bisogno”.
Lo afferma il presidente dell’Agcom, Corrado Calabro’, nella sua Relazione annuale, esaminando i progetti di Telecom Italia da una parte, e di Vodafone, Wind, Fastweb e Tiscali dall’altra, per lo sviluppo della fibra. “L’impressione -dice Calabro’- e’ che le pur apprezzabili idee progettuali proposte offrano una visione di quello che si puo’ fare, ma non ancora di quello che concretamente ci si impegna a fare. C’e’, inoltre, parziale sovrapposizione delle aree geografiche d’intervento, senza coordinamento delle opere di posa”.
Calabro’ chiede invece “accordi, coordinati a livello nazionale, tra operatori di tlc, amministrazioni territoriali, altri eventuali imprenditori, finalizzati alla progressiva conversione alla fibra di determinate aree territoriali. Cio’ -prosegue Calabro’- darebbe al progetto prospettive di redditivita’ con il carattere di certezza tipico delle utilities e aprirebbe potenzialmente la porta al finanziamento di investitori istituzionali, quale, in primis, la Cdp”.
Per Calabro’, “non stiamo suggerendo progetti lunari. La Regione Lombardia e la Provincia di Trento hanno gia’ in corso progetti di tale tipo”. ren carlo.renda@mfdowjones.it

(END) Dow Jones Newswires

July 06, 2010 05:34 ET (09:34 GMT)

Copyright (c) 2010 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci