Televisione

12 luglio 2010 | 13:36

RAI: GORLA, ANNOZERO? DG CONVINTO DI NEGOZIARE

RAI: GORLA, ANNOZERO? DG CONVINTO DI NEGOZIARE
INTERVISTA A KLAUSCONDICIO, NON SMENTISCO CAMBIO A RAIDUE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 LUG – “Annozero in Onda? ho visto che al giovedì in palinsesto c’é X factor; Masi è convinto di poter negoziare..”; “Non smentisco entro breve un cambio ai vertici di Raidue”. Sono alcune delle dichiarazioni rilasciate a Klaus Davi dal consigliere d’amministrazione della Rai Alessio Gorla, ospite del programma televisivo di approfondimento ‘KlausCondicio’, in onda su You Tube. In un’intervista a tutto campo sulla Rai, Gorla dice tra l’altro che se il dg Mauro Masi, ‘rimmarra al suo posto dipendera’ solo da lui”. A Masi il consigliere di maggioranza si sente “molto vicino”, precisando e di vederlo “fortemente inserito e coinvolto”. Su Michele Santoro Gorla dice: “sinceramente non so come stanno esattamente le cose e a che punto è la trattativa. Il direttore generale è convinto di poter negoziare” con lui una “soluzione consensuale del rapporto, che può voler dire che rimane in Rai non facendo più Annozero o che esce dalla Rai per fare altre cose con un contratto di consulenza. Ho visto che nel palinsesto è stato indicato che X Factor va in onda il giovedì. Proprio il giorno in cui c’era Annozero”. Gorla non smentisce che a breve possa avvenire un cambio a Rai 2: “Non è però – sottolinea – conseguenza di un palinsesto che non corrisponde al target che gli è stato assegnato, bensì è dovuto ad altre logiche”. Il processo di ringiovanimento dei target della Rai, precisa, “non può avvenire in tempi rapidi se teniamo conto che i posizionamenti delle reti si sono consolidati negli anni. Nel caso di Rai2… non sono le singole trasmissioni come X Factor o L’Isola che possono da sole invertire un trend”. Gorla quindi conferma che la Rai, secondo i piani del Direttore Generale, raggiungerà  il pareggio di bilancio nel 2012. Ma sugli stipendi “distinguerei fra quelli dei dipendenti e i compensi (quelli degli esterni e delle cosiddette star). E’ certo che un sacrificio deve essere fatto da tutti quanti. Va detto che gli artisti che si muovono in una logica simile a quella dei calciatori. Sono quelli che portano sponsor, share,incassi. Sono consapevoli di questa loro forza contrattuale cosi come lo sono i grandi calciatori. Ma in un momento del genere le star come Antonella Clerici, Simona Ventura, Carlo Conti, per citare solo alcuni nomi, hanno dimostrato senso di responsabilità  accettando riduzioni dei loro compensi”.(ANSA).
TH/ S0A S0B QBXB