CINEMA: MORTO LUIGI SCATTINI, REGISTA E PRODUTTORE

CINEMA: MORTO LUIGI SCATTINI, REGISTA E PRODUTTORE
ROMA
(ANSA) – ROMA, 13 LUG – E’ scomparso a Roma il documentarista, regista e produttore Luigi Scattini e i funerali si terranno domani alle 11.30 a piazza dei Giochi delfici alla chiesa di Santa Chiara a Roma. Luigi Scattini, padre dell’attrice Monica, era nato a Torino il 17 Maggio 1927. Laureato in Giurisprudenza, aveva iniziato la sua attività  nei primi anni cinquanta lavorando come giornalista e scrivendo sui settimanali Gente e Oggi. Ben presto si era rivolto al cinema, prima come documentarista con La via del carbone, presentato all’Oscar 1962 come miglior documentario italiano dell’anno o La Vergine di Caacupé e Puerto Sastre alla Mostra Cinematografica di Venezia del 1963. La sua prima regia cinematografica risale al 1963 con Sexy Magico; ha continuato poi la sua attività  con lungometraggi a carattere documentaristico: Svezia, Inferno e Paradiso (1968), Angeli bianchi, Angeli neri (1969), Questo sporco mondo meraviglioso (1970). Ha realizzato come regista diverse pellicole a soggetto, dirigendo attori, come Buster Keaton (Due Marines e un Generale), Robert Taylor e Anita Ekberg (La Sfinge d’oro), Pam Grier (La notte dell’alta marea), Enrico Maria Salerno e Carol Baker (Il Corpo), Zeudi Araya (La Ragazza dalla pelle di luna, La ragazza fuoristrada e Il Corpo). Ha inoltre prodotto film di successo internazionale quali Fatti di gente perbene di Mauro Bolognini con Giancarlo Giannini e Catherine Deneuve e Divina Creatura di Giuseppe Patroni Griffi con Terence Stamp, Laura Antonelli e Marcello Mastroianni. Dalla metà  degli anni ’80 si è dedicato quasi esclusivamente alle edizioni italiane dei film stranieri come dialoghista e direttore di doppiaggio per autori come Bertolucci, Kurosawa, Kasdan, Polanski, Almodovar, Bigas Luna, Lynch, Babenco, Lumet, Oshima, Parker, Coppola, Huston, Von Trotta, Cronenberg, Anderson.(ANSA).
STF/ S43 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo