INTERCETTAZIONI: PER EDITORI PENE PECUNIARIE RIDIMENSIONATE

INTERCETTAZIONI: PER EDITORI PENE PECUNIARIE RIDIMENSIONATE
(ASCA) – Roma, 13 lug – Si prevedono sanzioni pecuniarie inferiori per gli editori che pubblicano stralci di intercettazioni segretate. Lo prevede un emendamento al ddl intercettazioni presentato da Enrico Costa (Pdl) e Matteo Brigandi’ (Ln) in commissione Giustizia. Pene piu’ leggere anche per chi compie registrazioni e riprese video fraudolente: da quattro a tre anni di carcere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari