Editoria

13 luglio 2010 | 17:13

INTERCETTAZIONI:FNSI “DOPO ONU CHIARE NORME DA CANCELLARE”

INTERCETTAZIONI:FNSI “DOPO ONU CHIARE NORME DA CANCELLARE”
13/07/2010 – 18:06 – POLITICA

INTERCETTAZIONI:FNSI “DOPO ONU CHIARE NORME DA CANCELLARE”

ROMA (ITALPRESS) – “Le notizie che arrivano sino ad ora sugli emendamenti del Ddl intercettazioni non sono incoraggianti e, viceversa, l’intervento del relatore speciale dell’Onu sulla liberta’ di espressione ripropone tutte le mostruosita’ di un testo che, non cambiando nelle sue linee guida, rimane lesivo dei diritti all’informazione e continua a violare la convenzione internazionale sui diritti civili e politici”. Lo afferma in una nota la Federazione Nazionale della Stampa Italiana. “Un intervento come questo rende ancora piu’ evidente come non si possa ritenere sufficiente un confronto ‘politico-mercantile’ sulla misura delle pene amministrative. Appare sempre piu’ chiaro che non si puo’ travolgere il principio dell’autonomia dell’informazione, ne’ si puo’ accettare l’idea che gli editori ne diventino proprietari in quanto chiamati, per legge, ad adottare misure per impedire pubblicazione di notizie di interesse pubblico che si vuole vietare con censura preventiva oppure chiamati a pagare multe, seppure di poco ridotte rispetto alle previsioni iniziali. Non e’ accettabile questa sorta di principio di ingerenza, che viola altre leggi dello Stato, in primo luogo quella sulla stampa approvata dalla Costituente e immediata interpretazione dell’articolo 21 della Costituzione. Cancellare la separatezza delle competenze e sottoporre i giornalisti al diretto controllo dei proprietari di giornali, radio e televisioni, e’ un mostro giuridico che nessun emendamento sulle sanzioni cancella.
(ITALPRESS) – (SEGUE).
gca/com 13-Lug-10 18:06

INTERCETTAZIONI:FNSI “DOPO ONU CHIARE NORME DA CANCELLARE”-2-
13/07/2010 – 18:06 – POLITICA

INTERCETTAZIONI:FNSI “DOPO ONU CHIARE NORME DA CANCELLARE”-2-

E’ la norma che deve essere cancellata come indica ora autorevolmente anche l’Onu. L’ostacolo del lavoro investigativo dei giornalisti ‘su materie di interesse pubblico, come la corruzione, data l’eccessiva lentezza dei procedimenti giudiziari in Italia’, denunciata oggi dall’Onu, e’ preoccupazione che la Fnsi pone in primo piano da tempo, ma su di essa il Governo e i sostenitori del ddl Alfano continuano a fare orecchie da mercante.
Questa e’ una legge che si profila come anti-italiana, dannosa per le liberta’ dei cittadini, tale da esporre il nostro Paese alla sanzione della comunita’ internazionale.
Ascoltare le ragioni del buon senso e del rigore istituzionale, anziche’ cercare continue prove di forza, resta l’unica via per uscire da una situazione che si fa sempre piu’ imbarazzante.
L’udienza-filtro e il giuri’ per valutare in tempi rapidissimi la violazione della privacy sono vie maestre che ostinatamente Governo e maggioranza che lo sostiene paiono non voler seguire. Ma e’ bene chiarire per l’ennesima volta che non c’e’ un vero problema di privacy da tutelare nel disegno che viene presentato e che appare sempre piu’ evidente come si voglia proteggere solo la privacy di chi e’ abituato a compiere misfatti o a inquinare la vita pubblica: lo dimostrano anche le notizie sulle inchieste piu’ rilevanti di questi giorni. Con il Ddl intercettazioni si porrebbe il silenzio a ogni notizia sulle organizzazioni criminali dei colletti bianchi, sul cosiddetto scandalo dell’eolico e il dramma dell’inquinamento della vita pubblica sarebbe ancora piu’ grave e devastante”.
(ITALPRESS).
gca/com 13-Lug-10 18:06