CINEMA: BONDI, MIO IMPEGNO PER RINNOVO TAX CREDIT E TAX SHELTER

CINEMA: BONDI, MIO IMPEGNO PER RINNOVO TAX CREDIT E TAX SHELTER
(AGI) – Roma, 21 lug. – Il ministro Bondi si impegna affinche’ per il triennio 2011-2013 vengano rinnovate con urgenza le misure di tax credit e tax shelter. Incontrando i rappresentanti dell’Anica, il ministro per i Beni e le attivita’ culturali ha illustrato i punti salienti di un provvedimento legislativo con il quale si effettuano importanti interventi nel settore cinematografico. Come spiega in una nota lo stesso MiBac, esso prevede che l’intervento diretto dello Stato sia indirizzato, a partire dal 2011, sulle opere prime e seconde, i cortometraggi e i documentari mentre nel settore della promozione l’intervento statale sara’ riservato ai soli enti ed eventi con rilevanza internazionale o nazionale. Le Commissioni per la cinematografia verranno riviste secondo queste nuove finalita’. Il ministro ha poi confermato il proprio impegno a richiedere il rinnovo con urgenza delle misure di tax credit e tax shelter, “strumento che sta producendo risultati straordinari non solo per l’erario ma anche per l’occupazione”. Per il 2010, Bondi ha adottato il provvedimento che consente alla Direzione Generale per il Cinema di assegnare le risorse del fondo unico per lo spettacolo secondo le regole attualmente in vigore. Alla luce dalle risorse disponibili e delle priorita’ fra le linee di intervento – spiega la nota del MiBac – e’ tuttavia necessario “rivedere immediatamente alcuni decreti tecnici di attuazione della ‘legge cinema’, con particolare riferimento ai contributi percentuali sugli incassi e ai contributi in conto capitale alle sale cinematografiche, in accordo con i rappresentanti del settore”. (AGI) Cau

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Venticinque milioni in più per il tax credit per il cinema. Il ministro Franceschini: uno strumento di sostegno che sta conoscendo un successo straordinario

Dalle serie tv, agli spettacoli comici passando per le produzioni made in Italy. Conto alla rovescia per l’arrivo di Netflix nel nostro paese

Dalla revisione di tax credit e quote di partecipazione, al nuovo modello per la negoziazione dei diritti. Governo al lavoro per il rilancio del settore audiovisivo