INTERCETTAZIONI: AVVENIRE, RAGGIUNTO UN COMPROMESSO RAGIONEVOLE

INTERCETTAZIONI: AVVENIRE, RAGGIUNTO UN COMPROMESSO RAGIONEVOLE
(ASCA) – Roma, 22 lug – ”La soluzione proposta non e’ detto risolva in modo equilibrato il problema, ma prima di condannarla con argomenti e previsione catastrofiche, forse sarebbe meglio vederla alla prova dei fatti”: in un editoriale intitolato ”Intercettazioni, c’e’ un compromesso ragionevole. Vediamo se funziona” e firmato da Sergio Soave, Avvenire, il quotidiano della Cei, giudica oggi positivamente la mediazione raggiunta nel Pdl sul ddl intercettazioni. ”La soluzione che pare sia stata adottata sul punto piu’ controverso – la possibilita’ di pubblicazione di parte delle intercettazioni in seguito a un’udienza che ne verifichi la rilevanza – era stata auspicata su queste colonne”, ricorda Avvenire, che sottolinea come ”spesso, quando un compromesso scontenta quasi tutti, vuol dire che e’ un compromesso vero, teso a risolvere i problemi evitando unilateralismi”. ”In questo caso – conclude il giornale della Cei – solo l’effettiva applicazione della legge” ”permettera’ di esprimere una valutazione oggettiva”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari