TI MEDIA: STELLA “PER INCARICO HO FATTO TRE SCOMMESSE E LE HO VINTE”

TI MEDIA: STELLA “PER INCARICO HO FATTO TRE SCOMMESSE E LE HO VINTE”
22/07/2010 – 14:26 – ECONOMIA

TI MEDIA: STELLA “PER INCARICO HO FATTO TRE SCOMMESSE E LE HO VINTE”

MILANO (ITALPRESS) – “Quando ho accettato questo incarico ho fatto tre scommesse: ridurre drasticamente le perdite di Ti Media, mantenere La7 a un buon livello di programmazione e di audience malgrado i tagli e i risparmi, evitare che Ti Media fosse una provincia marginale al sistema Telecom Italia, e diventasse invece una parte importante del gruppo. Dopo 27 mesi posso dire che le tre scommesse sono sostanzialmente vinte”.
Cosi’ l’Ad di Telecom Italia Media, Giovanni Stella, in un’intervista sul numero di luglio di “Prima Comunicazione”.
“Diciamo subito che tutto e’ perfettibile e migliorabile, ma alcune cose importanti le abbiamo portate a casa”, sottolinea Stella. “Ho lavorato molto, come sempre, con persone in gamba e generose. E su business interessanti. Quest’anno i conti saranno per la prima volta positivi in termini di Ebitda, significativamente positivi. Siamo avanti di alcuni mesi nella realizzazione del piano industriale approvato l’anno scorso e, per quanto riguarda La7, gli ascolti sono in crescita dopo un inizio d’anno problematico per gli effetti del passaggio al digitale terrestre, che porta alla frammentazione degli ascolti con risultati negativi per le reti generaliste. La7 se la sta cavando bene in un contesto televisivo molto piu’ agguerrito di prima e, visti i risultati, abbiamo deciso di puntare ancora di piu’ sull’informazione, che e’ gia’ parte fondamentale della rete, rilanciando il telegiornale”.
(ITALPRESS).
ads/com 22-Lug-10 14:26

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi