Cinema

23 luglio 2010 | 15:19

CINEMA: TOZZI (ANICA), UNA LOTTERIA PER INTEGRARE IL FUS

SPE:CINEMA
2010-07-23 15:54
CINEMA: TOZZI (ANICA), UNA LOTTERIA PER INTEGRARE IL FUS
PRESIDENTE PRODUTTORI,OFFERTA LEGALE IN RETE E LOTTA A PIRATERIA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 23 LUG – Una lotteria sul modello inglese, per garantire al cinema le risorse che fino a ieri erano messe a disposizione dal Fus, il fondo unico per lo spettacolo. E’ l’idea dei produttori dell’Anica, l’associazione delle imprese di cinema. Lo spiega in un’intervista al Giornale dello spettacolo il presidente Riccardo Tozzi, che si dice “convinto che il progetto sia realizzabile e anche in tempi brevi” e sottolinea l’urgenza di una offerta legale in rete, “per togliere ogni alibi alla mancanza di repressione nei confronti della pirateria”. Tozzi, che è anche responsabile di Cattleya, si dice “assolutamente convinto che dal punto di vista produttivo e creativo il cinema italiano goda di ottima salute. Del resto, all’estero ci guardano con invidia.- sottolinea- I risultati della stagione sono sicuramente positivi: crescono le presenze, gli incassi e la quota di mercato del cinema italiano”. I problemi comunque ci sono, sottolinea, “manca un’offerta legale di cinema in rete, ed è quasi assente una concreta repressione nei confronti della pirateria. Personalmente sono preoccupato. Sono convinto che il futuro del cinema sarà  esclusivamente in sala e su internet. In un prossimo futuro le televisioni, comprese quelle a pagamento, i film non li trasmetteranno proprio più”. Un’offerta legale in rete, oltre ad assicurare nuovi proventi, secondo Tozzi, “toglierebbe ogni alibi alla mancanza di repressione nei confronti della pirateria, che, fino ad oggi, perfino alcune forze politiche illuminate non hanno mai sollecitato, appellandosi al fatto che per gli utenti non esiste la possibilità  di scaricare film legalmente. In proposito – conclude – non ci sarebbe nemmeno bisogno di nuove leggi: basterebbe applicare quelle esistenti”. (ANSA).
LB/ S0B QBXB