Editoria

24 agosto 2010 | 15:21

F.CRISTIANA:SACCONI,DON SCIORTINO ACCECATO DA FAZIOSITA’

POL:F.CRISTIANA
2010-08-24 16:15
F.CRISTIANA:SACCONI,DON SCIORTINO ACCECATO DA FAZIOSITA’
ROMA
(ANSA) – ROMA, 24 AGO – “Spiace constatare che Don Sciortino appare accecato dalla sua personale faziosità  politica al punto tale da non riconoscere il valore pubblico che meritano i fondamentali principi cristiani, discrimine inesorabile dello stesso consenso elettorale”. Così il ministro del welfare Maurizio Sacconi risponde all’editoriale del direttore di Famiglia Cristiana che afferma che Berlusconi “spacca in due il voto cattolico”. “Anche nel recente voto regionale- aggiunge Sacconi- molti elettori hanno saputo distinguere tra Bonino e Polverini, tra Bresso e Cota, tra Bersani e Berlusconi per ciò che oggettivamente potevano e volevano garantire su questi valori. Per fortuna, peraltro, la grande transizione che stiamo vivendo ripropone comunque l’antropologia positiva di chi riconosce la ricchezza della persona in quanto protesa verso l’altro e verso l’oltre, e in conseguenza il valore della vita così come della sussidiarietà . Forse non ci sarà  un partito unico dei cattolici ma certamente larga parte di essi tenderanno a convergere con i non credenti che accettano i principi cristiani in quanto elementi costitutivi della nostra tradizione”. Sacconi aggiunge: “Parlo dei laici adulti che, come Benedetto Croce, non temono di dirsi cristiani e avvertono quindi il dovere dell’impegno sui temi della vita e in favore di uno Stato leggero e sussidiario che vuole promuovere una società  di liberi e forti che non vogliono dipendere dallo Stato stesso e dalla sua spesa pubblica. Il confronto senza pregiudizi tra tutti coloro che si riconoscono in questa cultura politica è destinato a intensificarsi con convergenze progressive che nessun tatticismo potrà  impedire”. (ANSA).
CP/ S0A QBXB