EXPO: CASTELLI, ANDRA’ RIDIMENSIONATO MA NON E’ UN DRAMMA

EXPO: CASTELLI, ANDRA’ RIDIMENSIONATO MA NON E’ UN DRAMMA
(AGI) – Milano, 25 ago. – L’Expo andra’ ridimensionato ma non e’ un dramma. Questo, in sintesi, il messaggio lanciato dal viceministro alle Infrastrutture, Roberto Castelli, in un’intervista ad Affaritaliani.it. “Entro settembre – spiega Castelli – si dovra’ decidere sui terreni. Una cosa e’ certa, l’esempio cinese ci dice che l’evento andra’ ridimensionato. Ma non e’ un dramma”. I dati cinesi, infatti, “ci dicono che hanno avuto 30 milioni di visitatori, ma 25 milioni interni. Per cui sicuramente andra’ rivisto il progetto. Ma e’ normale: i tempi cambiano e bisogna adeguare le previsioni alla realta’ odierna. Questo non mi sembra un dramma: influira’ sui budget. Del resto, quando si fanno programmazioni a lungo periodo, bisogna anche essere pronti a correggere la rotta”. Piuttosto, continua il viceministro, “ci sono due-tre nodi che vanno assolutamente sciolti entro settembre altrimenti avremo dei problemi. Il primo sono le aree, poi ci sono i piani economico-finanziari delle grandi opere”. La vicenda dei terreni, insomma, deve “arrivare a una soluzione. E pure rapidamente. Altrimenti saranno guai. Sulla partita, per noi, c’e’ Carioni, che ha la massima fiducia del partito. Sente Bossi quotidianamente, e’ una persona validissima. Carioni nel cda per noi e’ una garanzia”. (AGI)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi