Editoria/’Sette’ in 3D per celebrare Mostra del Cinema di Venezia

Editoria/’Sette’ in 3D per celebrare Mostra del Cinema di Venezia
Magazine del Corriere della Sera in 3D a Roma, Milano e Venezia

Roma, 31 ago. (Apcom) – Per il terzo anno consecutivo ‘Sette’, il magazine del Corriere della Sera, rende omaggio al cinema italiano attraverso un numero monografico per celebrare la Mostra del cinema di Venezia. Per la prima volta però lo fa con la tecnica del 3D, oltre che nella consueta versione in 2D. Valeria Solarino, Violante Placido, Caterina Murino, Filippo Timi, Francesco Scianna e Giuseppe Battiston sono i sei volti che Sette ha scelto come simbolo del cinema italiano alla Mostra e ai quali ha dedicato interviste e copertine.

L`omaggio al cinema italiano diventa l`occasione di sfruttare, per la prima volta nella stampa, la tecnica e l`artigianato digitale resa del 3D. Grazie a questo procedimento le immagini del numero ‘escono’ dalla pagina acquistando la profondità  di un frame cinematografico. Philippe Antonello e Stefano Montesi sono i fotografi che hanno realizzato le immagini in bianco e nero, dei sei attori.

Le testimonianze del direttore della Mostra Marco Mà¼ller, del presidente della Biennale Paolo Baratta, dell`attrice Isabella Ragonese, del regista Marco Bellocchio, insieme ad articoli sulle retrospettive e gli avvenimenti della Mostra, rendono il numero di Sette una preziosa testimonianza del festival in corso e delle novità  del cinema contemporaneo. ‘Sette’ 3D sarà  distribuito nelle città  di Roma, Milano e Venezia con in regalo gli occhialini in 3D per fruire delle immagini in tutta la loro definizione e profondità .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari