New media

03 settembre 2010 | 13:38

FACEBOOK: LOG OUT ‘A DISTANZA’, POSSIBILE OPZIONE ANTI-SPAM

FACEBOOK: LOG OUT ‘A DISTANZA’, POSSIBILE OPZIONE ANTI-SPAM
SITO TESTA ANCHE FUNZIONE PER SEGUIRE CONTATTI IN MODO MIRATO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 03 SET – Dopo le recenti ondate di phishing e spam che hanno preso di mira diversi social network, Facebook prova a correre ai ripari con un nuovo strumento per rendere ‘invalicabile’ il proprio profilo online. Nella pagina del sito dedicata alla sicurezza, il team di Facebook illustra una nuova opzione che consente agli utenti di controllare quante sessioni del social network sono aperte a proprio nome e con la propria password ed, eventualmente, effettuare il log out, ovvero chiudere quelle sessioni, ‘a distanza’. Attraverso questa funzione, al momento in via di attivazione per l’oltre mezzo miliardo di iscritti, l’utente potrà  rendersi conto, ad esempio, se ha dimenticato di effettuare il log out da un computer pubblico, come un internet café, oppure se l’account è stato aperto senza il proprio permesso. In questi casi, con un clic, potrà  ‘chiudere’ queste sessioni, bloccando eventuali accessi non autorizzati. Secondo alcuni analisti questo strumento può anche essere considerato in funzione anti-phishing e anti-spam. I criminali informatici, infatti, una volta che riescono a entrare in un account, lo sfruttano per inviare messaggi portatori di malware ai contatti dell’utente e ‘infettarne’ altri, estorcendo spesso altre informazioni personali a scopo di lucro. Le novità  non sono finite. Secondo quanto riportato dal blog ‘Allfacebook’, il social network di Mark Zuckerberg sta testando su un numero ristretto di utenti un ‘pulsante’ che consente di ‘seguire’ le attività  su Facebook di uno specifico contatto e ricevere notifiche ogni volta che l’utente ‘seguito’, per esempio, pubblica foto o altri aggiornamenti. La funzione – che richiama il ‘Segui’ di Twitter – potrebbe essere attivata sui propri ‘amici’ e sulle pagine di cui si è fan. L’opzione consentirebbe di seguire in modo più mirato alcuni dei propri contatti rispetto al flusso di aggiornamenti in bacheca. Non tutti i commenti, che già  arrivano sui blog che riportano la notizia, sono però positivi: in tanti si chiedono se uno strumento del genere non possa essere un ‘aiuto’ per potenziali molestatori. (ANSA).
Y14/ S0A S04 QBXB