Televisione

03 settembre 2010 | 14:46

TV: IACONA, TORNO DOMENICA CON ‘NDRANGHETA E ATTUALITA’

TV: IACONA, TORNO DOMENICA CON ‘NDRANGHETA E ATTUALITA’/ANSA
RUFFINI, PAESE UBRIACATO DA PAROLE; RACCONTARE IN PRESA DIRETTA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 3 SET – In un paese ubriacato dalle parole, è importante tornare a raccontare le cose senza pregiudizi, con un linguaggio semplice e diretto, e con gli occhi del reporter in modo da coinvolgere il telespettatore che ha il diritto di essere informato. Così Il direttore di Rai Tre Paolo Ruffini nel presentare, in una conferenza stampa a Viale Mazzini, programma di informazione e approfondimento ‘Presa Diretta’. Condotto da Riccardo Iacona che lo ha ideato insieme a Francesca Barzini e Domenico Iannacone. Il via domenica 5 settembre con ‘N’dranghetistì: ‘Presadiretta’ entrerà  nei sui fortini nella Locride e nelle ville dei clan insediatisi in Lombardia: come è diventata il principale broker internazionale del traffico di cocaina e come ha utilizzato gli enormi proventi di questo mercato per infiltrare in profondità  l’economia legale. In questi giorni Iacona sbarca anche in libreria, per raccontare con un diverso punto di vista e anche qualche ‘dietro le quinte’, il ritratto di un paese ‘abbandonato dalla politica’. Il libro s’intitola Italia Presa Diretta per Chiarelettere: un pamphlet “duro e amaro su un paese ricco di energie locali massacrate da una politica ridotta a pura logica di potere. Il nuovo ciclo del programma si svilupperà  invece in due tranche: le prime 6 puntate in onda, appunto dal 5 settembre, le altre 6 a partire dal 31 gennaio 2011 sempre ogni domenica. Come sempre, ha sottolineato Iacona, i temi trattati prendono spunto dalla vita di tutti i giorni, dalla quotidianità  che ci circonda e, attraverso un’analisi meticolosa e appassionata degli avvenimenti, riescono a trasmettere un quadro d’insieme dell’Italia dei giorni nostri. “Evasori” sarà , invece, il tema della seconda puntata in onda il 12 settembre: Sono 120 i miliardi di euro sfuggiti al fisco ogni anno. Come si aggirano i controlli? Chi sono i grandi evasori? Dove si evade di più? Importante anche l’inchiesta sulla discriminazione di genere , spiega la Barzini tra gli autori del programma: “é la la prima volta che un’intera prima serata viene dedicata alle donne italiane discriminate sul lavoro e sottorappresentate nei vertici della politica e dell’economia con gravi conseguenze sul benessere dell’intero paese”. Altri temi della nuova stagione saranno la crisi economica con la chiusura delle fabbriche e l’energia nucleare in un viaggio attraverso Germania, Francia e Finlandia per documentare quali sono i problemi creati dalle centrali. Nell’ultima puntata del primo ciclo,Alessandro Sortino, farà  il racconto di un viaggio da nord a sud attraverso le disunioni d’Italia per capire la questione federalismo.(ANSA).
TH/ S0B QBXB