TV: RIGOLETTO; GARIMBERTI, ASCOLTI? E’ TV QUALITA’

TV: RIGOLETTO; GARIMBERTI, ASCOLTI? E’ TV QUALITA’
ROMA
(ANSA) – ROMA, 6 SET – “Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca”, il Rigoletto è stata per la Rai un’operazione straordinaria e una grande scommessa dal punto di vista tecnologico ed artistico, per fare una tv di qualità  “. Così, in sintesi, il presidente della Rai Paolo Garimberti intervenuto oggi su RadioUno nel corso della rubrica Gran varietà , in merito a quanto rilevato oggi da alcuni organi di stampa secondo cui la celebre opera di Giuseppe Verdi con Placido Domingo, e diretta dal maestro Zubin Mehta per la regia di Marco Bellocchio, trasmessa in diretta sabato (il primo atto) e gli altri due andati in onda ieri, da Mantova è stata stupenda ma ha registrato ascolti bassi. In merito ai costi Garimberti ha rilevato che certamente” sono stati molto alti. Ma del resto era inevitabile per mettere in piedi un’opera come il Rigoletto, con un cast di quel genere. Basti pensare – ha aggiunto che per cablare la città  sono stati usati 30 km di cavi. Sono operazioni costose, e la Rai è vero si deve attenere ha dei budget, e se non avessimo avuto la pubblicità  non sarebbe stato possibile”. Per Garimberti il Servizio pubblico radiotelevisivo deve poter conciliare l’approfondimento culturale con il palinsesto di una grande televisione popolare. Alla domanda di che tipo di tv gli piacerebbe avere Garimberti ha risposto: “sempre più di qualità , sempre meno commerciale ma anche un po’ meno servizio pubblico. Ma soprattutto che se ne parlasse di meno. Ogni volta che in Rai c’é uno starnuto, nei giornali si verifica un terremoto”.(ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi