TV: SFIDA SULLE MISS TRA MEDIASET E RAI

TV: SFIDA SULLE MISS TRA MEDIASET E RAI
FOTOMODELLA DELL’ANNO SU ITALIA 1 CONTRO MISS ITALIA SU RAIUNO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 7 SET – Sfida sulle Miss tra Mediaset e Rai. Mentre Italia 1, domenica 12 settembre trasmetterà  da Fiuggi la finale del concorso Fotomodella dell’Anno, su RaiUno andrà  in onda Miss Italia. Lo storico concorso per fotomodelle, nato 27 anni fa, sarà  presentato da Susanna Petrone, conduttrice di Guida al Campionato, e vedrà  sfilare 38 ragazze selezionate su oltre 6mila candidate in tutta Italia. Le finaliste saranno vestite da Peter Langner e Jamal Taslaq, e dalle nuove collezioni di Cesare Paciotti Beachwear, Impero Couture e 7camicie. La finale verrà  registrata sabato 11 settembre a Fiuggi (Frosinone), nelle Terme di Bonifacio VIII, e sarà  trasmessa domenica 12 nel preserale su Italia 1. “La sfida è molto ambiziosa – ha detto il patron del concorso, Mattia Tiraboschi – ma noi non vogliamo fare concorrenza a Miss Italia. Si tratta di due concorsi molto diversi: il nostro intende far emergere nuove professioniste per il mondo della moda, mentre Miss Italia dovrebbe premiare la ragazza più bella”. Ospiti della finale, Luisa Corna, Lola Ponce, Ragazzi di Amici 2010, il cabarettista Franco Guzzo. Premi in palio: una borsa di studio in recitazione presso l’Accademia di Cinecittà , un corso di portamento presso la White Agency (che collabora con il concorso), la partecipazione ad un servizio fotografico di moda per il mensile TopGirl e un contratto di lavoro per tre anni come indossatrice. Parteciparono al concorso aspiranti modelle oggi famose come Michelle Hunziker, Francesca Rettondini, Caterina Balivo, Adriana Volpe, Samantha De Grenet, e le ultime due veline di Striscia la Notizia, Costanza Caracciolo e Federica Nargi. (ANSA).
VL/ S43 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi