PA: OK ACCESSO INPS A DATORI LAVORO PER CERTIFICATI ON-LINE

PA: OK ACCESSO INPS A DATORI LAVORO PER CERTIFICATI ON-LINE
ATTESTATI MALATTIA DIPENDENTI SU POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 7 SET – L’Inps ha definito la procedura con la quale i datori di lavoro possono richiedere all’Istituto di inviare alla propria casella di posta elettronica certificata, la Pec, le attestazioni di malattia dei dipendenti. Lo comunica il ministero per la Pubblica amministrazione spiegando che sono quindi disponibili da oggi tutti i servizi per i datori di lavoro, sia pubblici che privati, previsti dal nuovo sistema per la trasmissione telematica dei certificati di malattia. Attualmente la media regionale di medici dotati di Pin necessari per l’invio dei certificati si attesta al 75% e sono almeno 8 le regioni ove il processo di distribuzione dei Pin è sostanzialmente completato: Piemonte (84% dei medici di famiglia abilitati), Valle d’Aosta (99%), Provincia di Bolzano (96%), Veneto (89%), Marche (91%), Basilicata (88%), Calabria (85%), Abruzzo (82%) e Sardegna (89%). In Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Toscana ed Emilia Romagna i medici di famiglia sono invece già  in possesso di carta nazionale dei servizi per l’accesso al sistema. Dai dati in possesso al Ministero risulta progressivamente in aumento il numero di certificati inviati in modalità  telematica negli ultimi giorni: a oggi risultano inviati complessivamente 302.813 certificati con un incremento, del 19% nell’ultima settimana. Per la verifica della funzionalità  e della messa a punto del sistema per l’invio telematico delle certificazioni di malattia è operativa un’apposita Commissione di collaudo. (ANSA).
CHI/ S0A S04 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti